L’acqua del rubinetto è buona?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 20:20:43 19-12-2010

L’italia ha tantissime falde acquifere eppure nel corso degli ultimi anni il consumo di acqua minerale ha conosciuto in Italia un vero e proprio boom, ormai la maggior parte di noi “snobba” l’acqua del rubinetto e beve abitualmente solo la minerale. Sono variati i motivi che hanno influenzato questo cambiamento nelle nostre abitudini: innanzi tutto la crescente diffidenza sulla qualità dell’acqua potabile, dovuta
a fenomeni di inquinamento delle falde acquifere per la presenza
di diserbanti ( es. atrazina ), di nitrati, ecc. a cui è stato dato grande rilievo
dai mass media. A questo si aggiunge l’influenza della pubblicità, che ha
un ruolo tutt’altro che trascurabile.
L’Italia è anche particolarmente ricca di sorgenti minerali, al punto che,
su oltre 500 fonti, se ne sfruttano commercialmente solo la metà.
Ma qual’è la differenza tra la comune acqua potabile e quella minerale?.
Quando è minerale è caratterizzata dal contenuto di minerali, da cui dipendono particolari effetti, e che sgorgano pure dalla sorgente.
In realtà tale definizione non ci permette di fare una distinzione chiara:
i sali minerali sono presenti in quantità variabili anche nell’acqua potabile
e quindi anch’essa può avere determinati effetti, in base alla sua composizione. Ma mentre per quest’ultima la legge prevede dei limiti massimi per molti componenti, per la minerale tali valori non sono
vincolanti e possono essere in alcuni casi superati.
Per l’acqua del rubinetto, possiamo essere sicuri al 70 per cento della sua salubrità in quanto , anche se la legge ha stabilito dei parametri precisi , in molti comuni tali parametri non vengono rispettati .
In famiglia da sempre usiamo l’acqua minerale per bere e per tutto il resto, opportunatamente bollita, l’acqua del rubinetto in quanto notavo che ,quando non compravo l’acqua minerale e mettevo in tavola quella della fontana, io non riuscivo a digerire e mi si gonfiava la pancia indice che nell’acqua del rubinetto c’era la presenza di metalli pesanti e quest’inconveniente mi compare per qualsiasi acqua di fonte bevuta.
Gli svantaggi per l’acqua del rubinetto, a mio avviso , sono molti perchè anche se è sottoposta a controllo igienici , essa arriva pura e senza contaminazioni solamente fino al contatore.
Le autoclavi che le trasportano e le cisterne posizionate negli scantinati
o nelle soffitte non vengono opportunamente pulite dai residui
e queste possono contaminarla.
Molte città italiane sono a rischio per quanto riguarda la qualità delle acque comunali, da come si evince da un articolo sul sito del Salvagente.
L’ articolo dichiara che l’Unione Europea non concederà più deroghe a quei comuni italiani che , a forza di esenzioni speciali, spacciano le loro acque inquinate come bevibili dalla popolazione. La regione Lazio, Lombardia, Trentino e quella Toscana sono quelle che hanno alzato la soglia di tollerabilità per gli inquinanti come l’Arsenico, boro, fluoro, nitrati, vanadio e trialometani. Il prezzo fa la differenza tra la scelta dell’acqua da bere: l’acqua minerale pesa sul portafoglio ad un euro al litro mentre l’acqua dell’acquedotto ci costa un euro ogni 1000 litri .

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su L’acqua del rubinetto è buona?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento