La stufa a pellet è la migliore opzione di riscaldamento?

basato su 1 Opinione

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 18:12:32 07-12-2010

La stufa a pellet può indubbiamente essere considerata una validissima alternativa al sistema tradizionale di riscaldamento (metano ecc..).
Io da tre anni ho sostituito il sistema di riscaldamento dei termosifoni con una di queste stufe.
La mia è stata una scelta obbligata perchè la mia casa è molto vecchia e l’impianto di riscaldamento avrebbe dovuto essere sostituito completamente, con costi elevati che non potevamo sobbarcarci.
Così, in famiglia si è deciso per l’acquisto di una di queste stufe a pellet.
La spesa è stata di circa 2500 euro.
Questa stufa è automatizzata ed è possibile programmare il termostato o il tempo di accensione e spegnimento.
Funziona bene è scalda molto, ma i problemi e i difetti hanno cominciato a farsi sentire da subito.
Come comodità nulla batte il riscaldamento a metano.
Se si vuole integrare le due realtà e farle convivere non ci sono grossi problemi: si tengono i caloriferi bassi, in modo da consumare meno e si accende un po’ la stufa per compensare il calore perso.
I pellet, in effetti dovrebbero costare meno…
Il problema si pone quando si sostituisce totalmente il sistema a metano con quello a pellet.
Prima di tutto i caloriferi non hanno bisogno di manutenzione,mentre la stufa sì. Va pulita almeno una volta al giorno, se si trova dell’ottimo pellet che non fa molto residuo, se no, anche due o tre volte.
Pulirla vuol dire, spegnerla e lasciarla spenta almeno trenta minuti prima di metterci le mani dentro, per non scottarsi anche con il guanto termico.
E questo comporta un abbassamento della temperatura in casa.
Poi va svuotata della cenere o aspirata.
e la cenere sporca… il pellet lascia un residuo nero, una patina sottile ovunque e quindi, la casa, ha bisogno di una maggior cura.
Inoltre anche il pellet è diventato un problema.
Perchè c’è molta richiesta ma poco buon pellet disponibile e i prezzi sono anche aumentati.
Trovare buon pellet che faccia poco residuo e quindi dia la possibilità alla stufa di rendere al massimo è diventata un’impresa!
Insomma, per mia diretta esperienza la stufa a pellet è ottima, scalda molto, ma ha ancora qualche problema da risolvere.
La mia è una stufa ormai vecchia, avendo tre anni e suppongo che in questo lasso di tempo le cose siano migliorate.
Suppongo che le case costruttrici abbiano inventato sistemi sempre più all’avanguardia.
Io comunque, quando l’ho acquistata ho preso quella di una gamma alta di prodotto, per cui non posso dire che la mia ha problemi per colpa del basso budget investito.
Bisogna anche mettere in conto che la stufa va revisionata ogni anno e la prima volta va fatta tarare da un tecnico.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su La stufa a pellet è la migliore opzione di riscaldamento?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti (1)

  • 10 gennaio 2011
    alle 13:26

     

    Mauro Trinchero

    Giudizio Generale: 0.0

     

     

    Ti porto la mia esperienza di utilizzo di una stufa a pellet da 8kW, che sto usando per scaldare 60-70mq di alloggio al secondo piano.
    Come dici correttamente tu, c’è sempre un pò di polvere in giro (molta, per la verità, se ne crea al momento di vuotare il pellet nel serbatoio. Ci vuole un pò di accortezza!); ma decisamente si crea meno sporcizia che nel caso di una stufa a legna o un camino..
    A parte questo, noi ci troviamo benone.
    Abbiamo posizionato la stufa in un punto strategico, e bruciando del buon pellet scaldiamo alla grande con poca manutenzione. Diaciamo che aspiro la cenere un giorno sì e l’altro no.
    Ovvio che se metto pellet scadente, la situazione cambia molto. In quel caso devo tenere il regime di combustione più alto,consumare più pellet, e pulire frequentemente.
    Teniamo i termosifoni accesi e regolati a 18 gradi; e la stufa resta accesa (al minimo) dalle 7 del mattino alle 11 di sera. In modo che i radiatori lavorano solo di notte, direi per un tempo di circa 3 ore. Per il resto, fà tutto la stufa.
    I problemi di cui parli, presumo che riguardino anomalie di funzionamento della tua stufa. Beh…inutile dire che un pizzico di fortuna in questi casi è più che mai necessaria.

    In definitiva, la comodità della caldaia a gas (gasolio, nel nostro caso) con radiatori è indiscutibile. Nel nostro caso, la caldaia al pian terreno serve a fare acqua calda, e scaldare un pò la casa di notte. Credo che tenere in piedi i due sistemi sia ancora la cosa più saggia..

     

      Riporta abuso