La pulizia dei denti è dolorosa?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 17:38:37 19-03-2011

La pulizia dei denti consiste in un trattamento il cui scopo è quello di rimuovere tartaro, placca ed eventuali pigmentazioni prodotte da fumo e caffè dalla superficie dei denti, così da favorire la salute della bocca, e in particolare delle gengive, abbassando allo stesso tempo la carica batterica. Solitamente si tratta di un intervento doloroso, ma ovviamente molto dipende dalla sensibilità e dalla bravura dello specialista che la effettua. In caso di trattamenti che si prevedono un po invasivi, si preferisce eseguire la pulizia in anestesia locale, per evitare eventuali dolori. Ricordiamo che il trattamento è personalizzato da individuo a individuo. Il costo medio di una seduta si aggira intorno agli ottanta euro, a meno che non si debba effettuare un intervento particolarmente duro, che può articolarsi in più sedute. Sarebbe bene effettuare la pulizia almeno una volta all’anno, anche se spesso la frequenza dei richiami è nell’ordine dei sei mesi. Ma per quale motivo è necessario effettuare la pulizia dei denti? Si tratta di un’operazione che permette di togliere la placca e il tartaro posizionati nei punti difficili, specialmente sotto la gengiva. Quando ci laviamo i denti con lo spazzolino, infatti, siamo in grado di pulire la superficie dei denti sopra la gengiva, ma quello che sta sotto no: e proprio qui si annida la causa di parodontiti e gengiviti. Soprattutto nella zona posteriore degli incisivi si accumulano tartaro e placca, proprio perché si tratta di un punto difficile da pulire. Ecco spiegato il motivo per cui si rende necessario effettuare una pulizia professionale. Ricordiamo che il tartaro provoca tasche gengivali e addirittura recessioni gengivali. Insomma, determinando infiammazioni non curate, può portare anche alla perdita del dente. Ma in ogni caso le recessioni gengivali sono responsabili di ipersensibilità dentale e danni estetici di un certo livello. Esse possono essere corrette solo con un intervento chirurgico, attraverso innesti di tessuto connettivo o gengiva. Come detto, in ogni caso, non bisogna temere questo trattamento, che se eseguito da professionisti adeguati non provoca dolore. Il dentista per effettuare la pulizia utilizza strumenti manuali e strumenti a ultrasuoni. Questi ultimi sono dotati di punte particolari che consentono di arrivare al tartaro sotto la gengiva. Grazie a un movimento di tipo vibratorio, le punte rimuovono il tartaro in maniera delicato, compiendo fino a ventimila vibrazioni in un minuto. Per quanto riguarda gli strumenti manuali, sono dotati anch’essi di punte speciali, che tuttavia non vibrano. Una volta tolto il tartaro, si procede a eliminare le macchie grazie a una gomma speciale. A esse viene associata una pasta che contiene abrasivi, i quali, fatti girare ad alta velocità, fanno sì che i denti vengano smacchiati. Si parla in questo caso solo di macchie esterne, poiché per le macchie interne sarà necessario effettuare una procedura di sbiancamento vera e proprio. Concludiamo riassumendo: la pulizia dei denti non è dolorosa. Essa deve essere effettuata ogni tre o quattro mesi in presenza di dolore o sanguinamento della gengiva, e comunque almeno una volta all’anno da parte di tutti.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

La pulizia dei denti è dolorosa?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: la pulizia dei denti non è dolorosa , almeno una volta all'anno

Giudizio negativo Svantaggi: nessun svantaggio

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: denti dentista pulizia dei denti

Categoria: Salute

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su La pulizia dei denti è dolorosa?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento