L’ ittero del neonato: come vengono trattati i casi gravi?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 21:31:43 14-12-2010

L’ittero è una colorazione gialla della pelle e di altri tessuti , dovuta alla deposizione di bilirubina , che deriva dal catabolismo dell’ emoglobina . La bilirubina viene escreta, in condizioni normali , dal fegato nella bile . Le cause dell’ittero sono di tre tipi: epatiche , ostruttive ed emolitiche . Nell’ittero epatico, i danni alle cellule epatiche , come accade ad esempio con la febbre gialla o con un avvelenamento da fosforo , impediscono la normale trasformazione della bilirubina in sali biliari , sicché i suoi livelli ematici aumentano. Nell’ittero ostruttivo, la normale escrezione della bile nell’intestino è impedita dal blocco dei dotti biliari da parte di calcoli o di tumori ai dotti o al pancreas, in modo che la bilirubina viene riassorbita nel circolo sanguigno . Nell’ittero emolitico l’aumento dei livelli ematici di bilirubina è dovuta all’eccessiva distruzione di globuli rossi, che provocano un intasamento di emoglobina nel fegato. Nell’ittero epatico le urine si scuriscono , mentre il colore delle feci diventa sempre più chiaro; nell’ittero ostruttivo le urine sono scurissime e le feci prendono il colore dell’argilla , mentre nell’ittero emolitico le feci sono scure e le urine hanno un colore normale. In più del 60% dei neonati si manifesta l’ittero. Ciò non vuol dire che il bambino sia malato, essendo l’ittero una affezione di tipo parafisiologica, il bravo pediatra deve essere in grado di comprendere la gravità della situazione , e gli eventuali danni irreversibili ai quali il neonato può andare in contro. Affinchè l’ittero sia fisiologico , bisogna analizzare alcuni dati : ad esempio la bilirubina non deve superare i 5 mg/dl nelle 24 ore, non deve presentarsi durante il primo giorno di vita del neonato, non deve durare a lungo . Solitamente infatti l’ittero fisiologico ha una durata di 7-10 giorni circa, si manifetsa dopo 3 o 4 giorni dalla nascita e solitamente scompare spontaneamente. Qualora ciò non dovesse avvenire, si può ricorrere alla fototerapia . Questa è una soluzione che viene adottata nella maggior parte dei casi. La fototerapia comporta la produzionde della lumirubina, che è meno tossica. La formazione di tale composto idrosolubile è dovuta essenzialmente a due fattori quali lo spettro della luce e la quantità di luce somministrata . Solitamente viene usata una luce bianca fluorescente, poichè essendo la biliburina di colore giallo, l’esposizione a una luce blu, verrebbe assorbita con troppo facilità dalla pelle e potrebbe provocare dei danni agli occhi, oltre che non permettere una corretta diagnosi in caso di cianosi. Il neontato viene posto nudo e con delle bende agli occhi all’interno del fascio di luce,e la terapia può essere interrotta per una due ore. La fototerapia viene interrotta quando la biliburina raggiunge valore inferiori a 4-5mg/dl. Diverso è il caso dell’ittero da latte materno, che può durare anche qualche settimana e si riscontra dopo la prima settimana di vita del bambino.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su L’ ittero del neonato: come vengono trattati i casi gravi?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento