Come insegnare al bambino ad andare in bicicletta?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 18:39:58 03-01-2011

Chi scrive ha i capelli bianchi, quelli che sono rimasti, ha imparato prima e ha insegnato poi ad andare in bicicletta, per cui può dire di avere una certa “praticaccia” del problema.
Altri tempi, io imparai da solo ad andarci, con quella di mio padre.

Era una bicicletta del tipo da femmina, quella senza il tubo superiore del telaio e, per adeguarla alla mia… bassezza, mio padre aveva approntato un asse di legno che, incastrato sul telaio, mi permetteva di sedermi e di spingere la bici.
Dopo qualche giorno, acquisita una certa dimestichezza con l’equilibrio, ebbi un nuovo asse più lungo, che si incastrava un po’ più in alto e mi permetteva anche di pedalare. Qualche volta partecipava alle mie esercitazioni mio fratello più grande e, stando dietro, mi teneva la sella per un po’ in modo che mi sentissi più sicuro.
Dopo qualche caduta, fisiologica e dovuta soprattutto all’incapacità di fermarmi, pian piano tutto cominciò a diventare più facile e la mia fu una… “bicicletta con asse di legno a seguito”.
Una vera bicicletta, “mia”, la ebbi a 15 anni, grazie a una borsa di studio che mi guadagnai a scuola, IV ginnasiale.
Altri tempi.

A distanza bisognò insegnare ai figli, tre, come mantenere l’equilibrio in bici.
Devo dire che non ricordo particolari difficoltà e tutto fu abbastanza spontaneo, decisamente naif, se si può dire, senza bisogno di consultare guru particolari o guide specifiche.

Naturalmente furono più fortunati, ognuno di loro ebbe la bici giusta al momento giusto.

Quando si sa pedalare, la bici giusta è quella che permette di “toccare” con i piedi per terra, quando ci si siede sul sellino. In questo modo, quando ci si deve fermare, basta inclinarsi a destra o a sinistra, per poter scendere e lasciare la bici.

Quando non si sa pedalare invece, la bici giusta è quella che non ti fa spaventare, e i miei figli iniziarono con la bicicletta a quattro ruote, le due classiche + le due rotelline per bimbi bloccate sull’asse della ruota posteriore e che arrivavano a terra allo stesso livello.

Un grande cortile condominiale interno della nostra casa permise loro di fare mille giri.

Dopo qualche giorno, senza che lo sapessero, provvedevo a piegare di poco i due bracci delle rotelline, in modo che non arrivassero “a terra allo stesso livello” e rimanessero leggermente sollevate.
In breve presero confidenza e l’equilibrio fu conquistato senza problemi, le rotelline servivano ormai unicamente come supporto psicologico, non facevano più il rumore di quando toccavano per terra.

Un giorno decidemmo insieme che era il momento di toglierle e di provare senza, come gli altri compagni di giochi.

Bastò un pomeriggio, perché fossero indipendenti. Inizialmente sostenni il sellino, più mia paura devo dire, ma poi cominciarono subito ad andare da soli.

Cadute ce ne furono naturalmente, ma senza danni seri. Indossavano sempre ginocchiere e casco, come ci avevano consigliato all’acquisto della bici.

Prezzo: Molto variabile in relazione al tipo, modello, marca.

Svantaggi: Non riesco a vederne.

Vantaggi: I bambini acquisiscono sicurezza e autostima.

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Come insegnare al bambino ad andare in bicicletta?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento