Come imparare a camminare sui tacchi?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 11:27:10 22-11-2011

I tacchi, di qualsiasi altezza essi siano, aiutano a slanciare la figura ed a rendere la silhouette più femminile. Non c’è paragone tra l’indossare ballerine o sneackers e decoltè o sandali con tacco e plateau.
E’ molto importante, però, oltre ad abbinare i tacchi al look giusto soprattutto camminare bene per evitare di dare l’idea di stare poco a proprio agio (la tipica camminata “sulle uova”) o addirittura di cadere!

Regola n. 1
Come prima cosa occorre mantenere il busto fermo, vale a dire che la parte superiore del corpo non deve muoversi durante la camminata, ma saranno solo i fianchi a seguire il movimento delle gambe. E’ importante, inoltre, che le spalle sino dritte: sia per bilanciare la camminata ed evitare di cadere, sia per dare al proprio portamento sicurezza ed eleganza.

Regola n. 2
La testa va tenuta sempre alta: è importante non guardare mai in basso verso i piedi perché questo comporterebbe una perdita di equilibrio. Al contrario, bisogna avere lo sguardo in avanti, con la testa appena all’indietro ed il mento all’insù.

Regola n. 3
Mai scaricare il peso sul tacco: oltre a stancare, questo movimento tende a abbassare la figura piuttosto che elevarla e soprattutto fa apparire la camminata goffa e poco elegante. Il peso, invece, fa spostato sulla punta dei piede, proprio come fanno le super top model abituate alle lunghe falcate sui tacchi a spillo.

Regola n. 4
Rilassare il corpo, in particolare le braccia, in modo da dare al proprio movimento morbidezza e fluidità evitando quindi di apparire impacciate e poco sicure di sé. Un requisito fondamentale per indossare le scarpe con il tacco con eleganza, infatti, è farlo in modo del tutto naturale senza che traspaia insicurezza e poca dimestichezza con il loro uso.

Inoltre, oltre ad indirizzare il proprio portamento, è necessario essere obiettive e non esagerare mai con l’altezza dei tacchi. Per chi non è abituata a portare spesso i tacchi alti, non è indicato scegliere per un’occasione speciale delle altezze vertiginose: anche se la moda impone alcuni diktat, infatti, indossare scarpe con un tacco ridotto e più consono alle proprie “abilità” darà un risultato migliore, in termini di eleganza e stile, rispetto a portare scarpe ultra fashion con tacchi altissimi che fanno camminare come un fachiro sui carboni ardenti o, peggio, con il leggiadro incedere di un orso.
E se uno scherzoso adagio vuole che tre sono i punti da seguire nelle scelta del tacco più adatto al proprio fisico – e cioè costo delle scarpe, anni di pratica e livello di ubriachezza – nella realtà di tutti i giorni può essere utile seguire il buonsenso. Quindi scegliere tacchi non superiori agli 8 cm se non si ha dimestichezza con il “mezzo” e destinare le altezze più vertiginose – i 17 ed i 20 cm – solo alle habitué del tacco alto.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Come imparare a camminare sui tacchi?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: camminare bene per evitare di dare l'idea di stare poco a proprio agio , mantenere il busto fermo

Giudizio negativo Svantaggi: fanno venire male ai piedi

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: camminare con i tacchi moda scarpe eleganti tacchi a spillo

Categoria: Bellezza e stile

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Come imparare a camminare sui tacchi?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento