Il riscaldamento a legna è conveniente?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 10:02:27 23-12-2010

La ricerca di soluzioni convenienti in ambito di riscaldamento domestico ha fatto riscoprire il piacere del riscaldamento con la legna. Una soluzione antica, ma evolutasi notevolmente in campo tecnologico.
Una scelta vantaggiosa?
Un sistema che ha sicuramente il pregio di essere ecologico. La combustione della legna non inquina, l’anidride carbonica rilasciata è infatti la stessa che si produrrebbe con la naturale decomposizione delle piante lasciate a marcire nel boschi. Va inoltre ricordato che il legname utilizzato non si ricava da un taglio selvaggio e incontrollato dei boschi, ma avviene seguendo rigidi criteri atti a rinnovare le piante. Non ultimo c’è anche da considerare l’indipendenza da petrolio e gas, evitando così di dover subire i tanti aumenti del costo degli stessi.
Stabiliti i vantaggi non resta che esaminare l’aspetto economico in sé. Utilizzare questo tipo di riscaldamento costa meno rispetto ai tradizionali sistemi a gas o a metano?
Il primo aspetto da prendere in esame è l’impianto. Non eccessivamente oneroso, comporta spese poco superiori a quelle che si sosterrebbero con le comuni caldaie.
Va inoltre tenuto presente che un camino è quasi eterno se tenuto bene. Lo stesso non si può dire per le caldaie di case che dopo dieci anni iniziano a dare seri problemi. Questo è un dato di fatto, frutto della mia esperienza. Vivendo in una città con l’acqua estremamente ricca di calcare dopo solo dieci anni di utilizzo mi ritrovo di fronte alla necessità di doverla cambiare, visto il suo progressivo malfunzionamento.
Un discorso analogo va fatto per la manutenzione, molto costosa (tra pezzi di ricambio e intervento tecnico) per quanto riguarda le caldaie a gas, più economica (limitata quasi sempre agli interventi di pulizia) nel caso di impianti a legna. Al contrario delle precedenti richiede però tempi più lunghi.
L’ultimo fattore da considerare è il computo dei consumi veri e propri. Non entro nello specifico tecnico riguardo ai watt consumati o alla quantità di combustibile mediamente utilizzata, esistono molti siti internet che fornisco informazioni complete. A tal proposito suggerisco di fare una ricerca utilizzando come parola chiave “ termometro dei costi del calore”. E’ un grafico che in modo chiaro fornisce i dati relativi al costo dell’impianto, della sua manutenzione e dei combustibili utilizzati.
Mettendo a confronto le quantità di combustibile da utilizzare per produrre i medesimi watt risulta subito chiaro il risparmio che ne deriva se si usa la legna.
Fin qui appaiono chiari i vantaggi, ma gli aspetti negativi ci sono e vanno considerati. Il primo, forse il vero e proprio svantaggio, è quello legato all’abitazione. Realizzare un impianto di riscaldamento in un condominio, magari al centro di una città è improponibile. Tralasciando le difficoltà nel convertire l’impianto di riscaldamento (se centralizzato è praticamente impossibile poterlo modificare, per regolamenti condominiali) c’è anche il non trascurabile problema del dover mettere la legna. Ricordiamo che il risparmio è maggiore quanto più grande è la quantità di legna acquistata e poterla conservare idoneamente non è cosa da poco.
Tirando le somme la scelta del riscaldamento tramite legna resta una soluzione vincente ed economica, da prendere sicuramente in considerazione.

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Il riscaldamento a legna è conveniente?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento