Il nostro aspetto è davvero come pensiamo che sia?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 10:41:34 18-08-2015

A quanti di noi sarà capitato, almeno una volta nella vita, di guardare una nostra foto scattata da un amico e di provare fastidio nel vederla, come se quella immagine non ci appartenesse o non ci rendesse davvero giustizia?
Quello che, però, ignoriamo è che la percezione che abbiamo del nostro aspetto, il quale crediamo fermamente sia lo stesso che il nostro specchio ci riflette la mattina, quando siamo pronti per uscire o la sera, quando ci prepariamo per un appuntamento galante e perdiamo ore e ore a scrutare ogni singolo dettaglio per risultare perfetti agli occhi del nostro interlocutore, in realtà, non sia uguale a quella che gli altri hanno di noi.

La mente si convince che la nostra immagine corrisponda a quella, capovolta, che vediamo allo specchio e si rifiuta di credere che le altre figure di noi, immortalate nelle foto altrui, ci possano rappresentare fedelmente. Si crea, così, un meccanismo che gli psicologi definiscono effetto esposizione. Infatti, siamo talmente abituati a vederci in un certo modo, da sviluppare un senso di piacere estetico per quella figura riflessa, per cui, non riusciamo a provare le stesse sensazioni verso un’altra versione di noi, avremmo bisogno di tempo per immagazzinare quelle informazioni, accettarle e imparare ad apprezzarle allo stesso modo.

È vero che, spesso, non ci piacciamo nemmeno allo specchio, ma, semplicemente, perché essendo abituati a vederci in mille modi diversi, abbiamo, di sicuro, sviluppato delle preferenze verso il nostro modo di vederci, in relazione a vari fattori, che possono riguardare l’aspetto della nostra pelle, in alcuni giorni più bella che in altri o dei nostri capelli, ma anche altri dettagli come l’abbigliamento, il trucco o una particolare acconciatura, possono fare la differenza nella nostra personale scala di gradimento.

Lo stesso discorso potrebbe riguardare la nostra voce, infatti, anche in questo caso, siamo talmente condizionati dal suono che abitualmente sentiamo rimbombare nella nostra testa, che l’ascolto di essa, attraverso una registrazione vocale potrebbe confonderci.
Insomma, dobbiamo iniziare a rivalutare il modo in cui appariamo nelle foto dei nostri amici, perché quella potrebbe essere la vera immagine di noi stessi, a dispetto di tutte le nostre convinzioni.

Da una ricerca effettuata presso l’Università australiana del New South Wales, l’incapacità di vedere il nostro reale aspetto è così evidente che addirittura uno sconosciuto sarebbe in grado di riconoscerci meglio di noi attraverso delle foto.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Il nostro aspetto è davvero come pensiamo che sia?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: Imparare ad accettare il nostro vero aspetto. , Non ci sono altri vantaggi.

Giudizio negativo Svantaggi: Per accettarsi serve del tempo.

Giudizio Generale: 0.0

 

Categoria: Matematica e scienze

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Il nostro aspetto è davvero come pensiamo che sia?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento