Come funzionano le Reflex?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 12:51:00 04-11-2011

Quando parliamo di reflex ci riferiamo a quelle macchine fotografiche dotate di un particolare sistema di mira, che permette di osservare correttamente nel mirino la scena davanti all’obiettivo. Le macchine fotografiche reflex poi, a seconda che siano analogiche o digitali, assumono il nome di SLR o DSLR, ovvero SIngle Lens Reflex e Digital Single Lens Reflex. Nel primo caso la luce catturata va ad imprimersi sulla pellicola, nel secondo arriva ad un sensore che tradurrà il dato analogico (luce) in un dato digitale (immagine digitale).
Il sistema di mira che dà il nome alle reflex è composto da uno specchio, inclinato di 45 gradi e posto dietro l’obiettivo, che convoglia la luce verso un pentaprisma. Quest’ultimo è un elemento ottico costituito da un prisma (di vetro) a cinque facce di cui due riflettenti. Vediamo quale percorso compie la luce dall’obiettivo al mirino. La luce in ingresso passa attraverso gli elementi ottici che compongono l’obiettivo e viene riflessa dallo specchio inclinato; attraversa prima uno schermo di messa fuoco e poi una lente di condensazione, arrivando così alla base del prisma attraversandone una prima faccia. Il raggio luminoso viene poi riflesso una prima volta da una faccia resa riflettente del prisma e poi una seconda volta da un’altra faccia dello stesso. Infine la luce attraversa l’ultima faccia del prisma e arriva al mirino di osservazione. Nelle reflex viene utilizzato un particolare tipo di pentaprisma, il cosiddetto pentaprisma a tetto. Esso ha la particolarità di avere la seconda faccia riflettente divisa in un due ulteriori facce perpendicolari tra loro. In questo modo è possibile osservare nel mirino l’immagine della scena senza vederla capovolta o invertita. L’immagine, infatti, viene riflessa oltre che verticalmente anche orizzontalmente, a causa dello specchio inclinato. L’impiego del pentaprisma a tetto è riservato però alle macchine fotografiche reflex di fascia medio – alta. In quelle più economiche di fascia bassa viene impiegato, di solito, un sistema detto pentaspecchio. La differenza consiste nel fatto che invece di utilizzare un unico prisma ottico si utilizzano tre semplici specchi. Normalmente i mirini dotati di pentaspecchio a tetto forniscono immagini di qualità leggermente inferiore e sicuramente meno luminose rispetto a quelle ottenute con il pentaprisma a tetto.
Quando si preme il pulsante di scatto lo specchio inclinato (che abbiamo visto in precedenza) si alza e la luce arriva all’otturatore e, attraverso di esso, al sensore. Quest’ultimo converte poi l’intensità della luce in un segnale elettrico che verrà elaborato da un processore per ricostruire in uscita la matrice dei pixel che compongono l’immagine.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Come funzionano le Reflex?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: dotate di un particolare sistema di mira , permette di osservare correttamente nel mirino la scena davanti all'obiettivo

Giudizio negativo Svantaggi: il costo per queste macchine fotografiche è molto alto

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: fotografia macchina fotografica reflex

Categoria: Varie

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Come funzionano le Reflex?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento