Come funziona l’APE, l’anticipo pensionistico

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 10:32:40 07-04-2017

Dal 1° maggio 2017 si può aderire al progetto per rendere flessibile l’età pensionabile per i lavoratori iscritti alla previdenza pubblica obbligatoria. Il progetto prende il nome di APE, che sta per Anticipo Pensionistico. Nella Legge di Bilancio per il 2017, che ha istituito il progetto, sono presenti le caratteristiche e i requisiti necessari per accedere a quello che si può considerare a tutti gli effetti un esperimento dello Stato per far fronte alle tante critiche legate alla Legge Fornero ai tempi del Governo Monti. È bene precisare che il tempo ultimo per accedere all’APE è il 31 dicembre 2018. Vediamo come funziona l’APE.

Requisiti
Per poter accedere al progetto sperimentale APE è necessario essere in possesso di determinati requisiti.

1) Età minima di 63 anni.
2) Devono mancare non più di 3 anni e 7 mesi alla pensione.
3) Possono accedere lavoratori dipendenti (privati e del pubblico impiego) e autonomi, sia assicurati presso le gestioni speciali (commercianti, artigiani e coltivatori diretti) che con gestione separata dell’Inps.

I due strumenti
Il progetto prevede 2 diverse versioni dell’APE.

1) APE volontario
Si tratta di un contributo erogato dall’Inps, ma attuato grazie ad un prestito concesso da alcune banche e istituti assicurativi. Una volta conseguita la pensione il beneficiario dovrà restituire il prestito in 20 anni, con un piano di rimborso che prevede rate costanti e relativi interessi. L’entità della decurtazione dall’assegno pensionistico, prevista dall’APE volontario, dipende dall’anticipo richiesto all’istituto che ha concesso il prestito.

2) APE sociale (detto anche APE agevolato)
In questo caso il lavoratore potrà andare anticipatamente in pensione grazie ad un sussidio dello Stato, ma solo se si è meritevoli di una particolare tutela, vale a dire se si appartiene ad una delle quattro categorie che danno diritto all’APE sociale. Vediamole in questa breve lista.

a) Disoccupati (in seguito a cessazione del rapporto di lavoro per licenziamento, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale del rapporto)
b) Invalidi (invalidità civile superiore o uguale al 74%)
c) Caregivers (lavoratori che hanno a carico l’assistenza, da almeno 6 mesi al momento della richiesta, di un coniuge o parente di primo grado con handicap)
d) Lavori difficoltosi o rischiosi (tutti coloro che svolgono da almeno 6 anni un’attività lavorativa particolarmente rischiosa o difficoltosa). L’elenco delle attività lavorative che danno diritto ad entrare in questa categoria è allegato alla Legge di Bilancio.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Come funziona l’APE, l’anticipo pensionistico
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: Si può anticipare l'età pensionabile. , L'APE sociale non comporta diminuzioni della pensione.

Giudizio negativo Svantaggi: L'APE volontario prevede una riduzione della pensione.

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: APE pensione

Categoria: Affari e finanza

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Come funziona l’APE, l’anticipo pensionistico? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento