E’ opportuno stipulare un assicurazione sulla casa?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 16:52:57 08-01-2011

Il Codice Civile, all’articolo 1882, afferma che l’assicurazione è il contratto tramite il quale l’assicuratore si obbliga entro limiti prestabiliti a rimborsare all’assicurato tutto o una parte del danno derivante da un sinistro dietro il pagamento di un premio concordato.
Perché stipulare un’assicurazione sulla propria casa?
Quando si possiede un’abitazione, i danni derivanti da un incidente possono essere verso terzi, oppure verso il proprietario stesso. Oggi le polizze assicurative possono coprire entrambi, a seconda però, della scelta fatta alla stipula del contratto, e che propone diverse opzioni. La preferenza verso un’assicurazione varia secondo le esigenze della parte stipulante, poiché si tratta ormai di prodotti personalizzabili, completi, che offrono vasta scelta in merito alle tutele e ai massimali da stabilire.
Questo vuol dire che le vecchie polizze assicurative che distinguevano tra l’incendio e la responsabilità civile si sono trasformate in polizze globali, che includono entrambe le situazioni. Ciascuna polizza è strutturata per prevenire ogni evenienza, coprendo insomma sia le responsabilità imputabili a fattori esterni (ad esempio climatici) che a danni derivanti da terzi (ad esempio dei ladri), e permette di prevenire danni ingenti che in molti casi risulterebbero di esclusiva pertinenza del proprietario.
Prima di sottoscrivere una polizza, bisogna tener conto di una serie di garanzie che la stessa possa offrire in particolari situazioni:
• copertura a seguito di un incendio in qualsiasi locale dell’abitazione e oggetti e mobili che vi si trovino all’interno;
• copertura per danni causati da uno scompenso elettrico dovuto a sbalzi di tensione che danneggino i dispositivi elettronici;
• copertura per lo spargimento d’acqua in caso di incendio;
• copertura per gesti vandalici e danni a cancelli, inferriate, porte e finestre che vengano causati da terzi;
• copertura per danni causati da eventi atmosferici, come trombe d’aria, nevicate, fulmini che hanno comportato danni alle apparecchiature elettriche ed elettroniche, e danni derivanti da allagamenti e inondazioni;
• responsabilità civile dell’intero nucleo familiare che comprenda la copertura per danni causati a terzi all’esterno o all’interno della propria abitazione;
• rimborso (almeno parziale) per quegli oggetti di elevato valore presenti nell’abitazione e scomparsi durante un furto.
• Infine, copertura o rimborso per i danni che vengono causati a terzi attraverso la propria abitazione, ma che dipendano da fattori esterni, come allagamenti, calcinacci che cadono dal terrazzo o dalle finestre, ecc.
In riferimento a quest’ultima situazione, va considerato che esistono le cosiddette assicurazioni condominiali, che gestiscono in contemporanea la responsabilità civile che deriva dal possesso dell’appartamento, e la responsabilità civile dell’amministratore dello stabile in questione. La copertura assicurativa comprenderà dunque tutti i danni economici subiti da terzi in merito alla responsabilità del proprietario e dell’amministratore per quanto riguarda le condizioni dello stabile, e spesso includono il caso di incendio. Qualora fossero presenti entrambe le polizze, la responsabilità verso terzi sarà proporzionale a quanto stipulato fino al saldo dell’indennizzo dovuto.
All’assicurazione va fornita la dichiarazione che l’impianto elettrico sia a norma e la stima precisa di quanto si ha in casa, valutando anche che se l’abitazione è provvista di sistemi di sicurezza (come le inferriate) si otterrà uno sconto sulla polizza.

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su E’ opportuno stipulare un assicurazione sulla casa?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento