Come diventare un esperto in commercio di mercati esteri?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 9:08:31 18-10-2011

Oggigiorno , sopratutto le aziende di dimensioni considerevoli , hanno sempre più necessità di espandere geograficamente le loro aree lavorative su mercati internazionali .
C’è , quindi , la necessità di avere nel proprio organico un esperto commerciale in mercati esteri .
Questa figura deve conoscere , in modo alquanto consolidato , il diritto internazionale e deve avere delle solide basi in materie economiche . Sono quindi richiesti degli studi universitari in facoltà in cui si insegnano maggiormente materie economiche e di diritto .
Chiaramente , chi volesse intraprendere tale attività , dovendosi interfacciare con persone proveniente da tutte le parti del mondo , deve conoscere più lingue straniere , dato che l’esperto sarà quella persona che creerà e manterrà contatti con i paesi esteri.
Dopo gli studi universitari sarebbe consigliato frequentare anche un master post laurea , che molti atenei e molte aziende private impartiscono di anno in anno , permettendo , sopratutto nel secondo caso , di toccare con mano questo tipo di ruolo .
Ci si può candidare spontaneamente ad aziende che hanno necessità di operare con paesi all’estero .
Una volta collocato all’interno dell’azienda , bisognerà organizzare e gestire la propria attività in modo da reperire nuovi clienti all’estero e in Italia . Il modo in cui avviene tale reperimento può essere vario , ivi compreso lo spostamento nei Paesi stranieri dove si potrebbero potenzialmente trovare nuovi clienti .
Si lavora maggiormente come dipendente in società di import – export che sono specializzate nella commercializzazione e che si occupano , in modo particolareggiato e generale , della commercializzazione internazionale di un carnet di prodotti o di prodotti merceologicamente diversi .
Per quanto riguarda le personalità con cui ha a che fare , si parla maggiormente di : imprenditori, uffici per il commercio , operatori esteri , partners internazionali , compagnie d’assicurazione , compagnie di trasporto , avvocati , banche . Può lavorare in gruppo oppure in maniera completamente autonoma e ha la funzione di interfaccia nei rapporti e nelle comunicazioni tra l’imprenditore e i soggetti clienti delle aziende in questione .
L’ente a cui questa figura può far riferimento è l’ICE , acronimo di Istituto nazionale per il commercio con l’estero , il quale è un ente pubblico che opera sotto le direttive del Ministero del Commercio Estero e che ha il compito fondamentale di favorire l’interscambio dell’Italia , con attività d’informazione oppure d’assistenza , promozione e di formazione .

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Come diventare un esperto in commercio di mercati esteri?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: le aziende di dimensioni considerevoli hanno sempre più necessità di espandere geograficamente

Giudizio negativo Svantaggi: non è una cosa da tutti

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: commercio Lavoro mercati esteri

Categoria: Varie

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Come diventare un esperto in commercio di mercati esteri?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento