Come diventare assistenti di volo?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 11:21:45 26-12-2010

Quella dell’assistente di volo è una professione ambita da molte persone: essa, infatti, da un lato rappresenta una notevole opportunità per essere continuamente in viaggio, e dell’altra costituisce un lavoro fonte di paghe consistenti e benefici importanti. Il compito dell’assistente di volo non è solo quello di controllare le carte d’imbarco ai passeggeri o portare caffè e giornali nel corso del viaggio in aereo. Egli deve anche essere in grado di garantire la sicurezza di chi viaggia, preoccuparsi dell’ordine e della pulizia del mezzo e conoscerne tutte le caratteristiche tecniche. Non è finita: nel corso del volo devono soddisfare ogni bisogno dei passeggeri, manifestando sempre cordialità e gentilezza, e occupandosi del loro benessere. Chiaramente il compito viene reso più difficile da eventuali imprevisti che potrebbero capitare durante il volo. Il percorso per diventare steward, nel caso dei maschi, o hostess, nel caso delle femmine, non è corto né privo di difficoltà. Dal punto di vista del curriculum non viene richiesta una pregressa esperienza lavorativa, ma sono indispensabili alcuni requisiti psicofisici e di formazione. In particolare un’assistente di volo deve essere alto almeno un metro e settanta nel caso degli uomini e un metro e sessantacinque nel caso delle donne, non deve indossare piercing visibili e non deve avere sul corpo tatuaggi visibili. Deve mantenere un aspetto gradevole, deve sapere nuotare e avere una vista di dieci decimi (con le lenti a contatto, se necessario). Inoltre, deve possedere un diploma di scuola superiore e conoscere l’inglese e una seconda lingua straniera. Ma come bisogna fare per diventare assistente di volo? Qual è l’iter da seguire? Bisogna innanzitutto inviare il curriculum a una compagnia aerea, o alle agenzie che per le compagnie aeree si occupano di trovare il personale. Quindi, si viene invitati a un primo colloquio, nel corso del quale viene valutata la competenza inglese. Se questo primo colloquio individuale viene superato si prende parte a una fase di assessment. Se anche questa fase viene superata è la volta della prova di nuoto, successiva a un certificato medico che attesti la totale salute del soggetto. In caso di successo, poi, si svolge un allenamento in aula e a bordo, per un totale di cento ore, al termine delle quali si può prendere parte all’esame certificato dall’Enac, l’Ente Nazionale Aviazione Civile. Una volta che si è riusciti a superare l’esame, infine, si ottiene l’abilitazione per esercitare la professione. È necessario ribadire che chi vuole svolgere questo lavoro deve essere in grado di rispondere con gentilezza a una donna che chiede un bicchiere d’acqua così come orchestrare le operazioni di abbandono dell’aereo nel caso di problemi. Per quanto riguarda lo stipendio, volando per circa ottanta ore al mese si ottiene uno stipendio che si aggira attorno ai duemila euro. La busta paga, in ogni caso, si compone di una quota fissa e di una variabile, che è legata a quanto si vola. In italia ci sono in tutto 15mila assistenti di volo, la maggior parte dei quali con contratto a tempo determinato: si tratta perlopiù di un lavoro stagionale, perlomeno nei primi anni e per ragazzi senza esperienza, ma comunque ottimamente retribuito.

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Come diventare assistenti di volo?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento