Decreto Rilancio 2020: come richiedere il bonus baby sitting ?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 10:03:02 25-05-2020

In seguito ai reiterati provvedimenti di sospensione dei servizi di educazione all’infanzia e delle attività didattiche in tutte le strutture scolastiche, è stata disposta, nel DPC 4 marzo 2020, una serie di provvedimenti atti a sostenere i nuclei famigliari impegnati nella cura e nell’assistenza ai figli fino a 12 anni.

Oltre ai congedi parentali parzialmente retribuiti e concessi per un periodo di non oltre 15 giorni, è stata introdotta un’agevolazione, chiamata Bonus Baby-sitting, che il Decreto Rilancio ha confermato ed implementato con alcune modifiche sostanziali.

Cos’è il Bonus Baby-sitting

Si tratta di un’agevolazione concessa, in via alternativa al congedo parentale, alle seguenti categorie professionali:

- lavoratori autonomi iscritti all’INPS;
- lavoratori dipendenti appartenenti al settore privato;
- lavoratori autonomi iscritti alle differenti casse professionali;
- lavoratori iscritti alla Gestione separata.

Requisiti necessari

I requisiti essenziali per godere del beneficio, sono l’appartenenza ad una delle categorie sopra indicate e la presenza nel nucleo famigliare di uno o più figli fino a 12 anni di età.

Il limite anagrafico non esiste in caso di figli con disabilità.

Non è possibile richiedere il Bonus in due casi:

1. Se si è già usufruito del congedo parentale;
2. Se nel nucleo famigliare uno dei due genitori è disoccupato o non lavoratore oppure ha già goduto di una prestazione a sostegno del reddito.

Caratteristiche e destinazione d’uso del Bonus Baby-sitting

L’agevolazione consiste in un contributo di Euro 600,00 (fino ad Euro 1.200, secondo quanto stabilito dal Decreto Rilancio, per chi non ne avesse mai fatto richiesta) per nucleo famigliare (in caso di più figli, può essere richiesto più di un Bonus, ma l’importo complessivo non può eccedere il limite massimo stabilito). Sono riservati contributi maggiorati a particolari categorie che operano in ambito sanitario.

Il Bonus può essere utilizzato esclusivamente per prestazioni di assistenza e sorveglianza dei minori durante il periodo di sospensione delle attività didattiche come compenso a baby sitter regolarmente assunte.
In base a quanto stabilito dal Decreto Rilancio, il Bonus può essere utilizzato anche per pagare le rette dei centri estivi.

Come si richiede il Bonus Baby-sitting?

L’accesso alla prestazione di sostegno è permesso dopo specifica richiesta da inoltrare all’INPS secondo una delle seguenti modalità:

- telematicamente tramite la piattaforma INPS ed avendo a disposizione il PIN dispositivo;
- telefonicamente tramite Contact Center;
- tramite un patronato.

Il contributo viene messo a disposizione su un apposito Libretto di famiglia sul quale debbono registrarsi sia i beneficiari che i fruitori dell’agevolazione.

Decreto Rilancio 2020: come richiedere il bonus baby sitting ?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: Il contributo nasce per aiutare le famiglie in difficoltà. , Il Bonus è un incentivo alla ripresa della professionalità femminile.

Giudizio negativo Svantaggi: Il contributo, purtroppo, non è accessibile a tutti.

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: bonus baby sitter Decreto Rilancio 2020

Categoria: Famiglia

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Decreto Rilancio 2020: come richiedere il bonus baby sitting ?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento