Come curare le malattie gengivali?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 16:01:53 30-12-2010

Le malattie che riguardano le gengive sono di diverse specie e gravità.
Solo il parere di un esperto odontoiatra è in grado di stabilire lo stato delle gengive e di consigliare la cura più appropriata. Ogni tipologia di malattia gengivale ha una apposita cura, a volte agevole, come nel caso delle comuni gengiviti, altre volte molto complessa, come nella malattia paradontale gengivale.
La malattia delle gengive più facile da curare è la gengivite, un’infiammazione che provoca gonfiori, piccoli sanguinamenti e a volte perdita di pus. Nella maggior parte dei casi la causa che che provoca la gengivite è la presenza di placca e di tartaro sulle gengive. Una pulizia accurata e periodica dal dentista ed una successiva attenzione rigorosa all’igiene orale, attraverso la buona abitudine di lavarsi i denti e l’uso del filo interdentale e del colluttorio, riescono a risolvere una comune gengivite. Il mio dentista mi ha consigliato che per evitare che troppo tartaro e troppa placca si accumulino sui denti, di effetture controlli una volta ogni 6 o 8 mesi. In caso di gengive infiammate a seguito di episodi che si sono verificati in particolari periodi di tempo come un indebolimento dell’organismo provocato dallo stress, un’influenza o una dieta troppo calorica, è possibile lenire la sensazione di gonfiore e di arrossamanto delle gengive con un semplice colluttorio o attraverso lavaggi dei denti con il bicarbonato.
Alcune malattie delle gengive sono classificate come stomatiti. Esse comprendono le malattie virali come l’herpes, le malattie infettive, come il lupus, le malattie micotiche, come la candidosi e le malattie allergiche.
A volte la pulizia dei denti non è sufficiente, ma è necessaria la somministrazione di farmaci antivirali e topici.
Ben più grave è la malattia paradontale gengivale, che colpisce maggiormente i soggetti ultracinquantenni, e coloro che hanno delle disfunzioni circolatorie o che sono stati colpiti da malattie sistemiche ed infezioni. Nella malattia paradontale gengivale la gengiva si distacca dal dente e, contemporaneamente, si possono verificare anche presenza di pus e spostamento della posizione masticatoria.
La cura in tal caso si effettua con la tecnica della levigatura reticolare, detta anche root planning, e consiste nella pulizia delle parti interne ed esterne delle gengive.
Un accurato trattamento dei canali della radici è una condizione importante al fine del buono stato del dente e delle gengive. Se la radice di un dente è stata rivitalizzata può essere utile, sempre dopo aver consultato l’odontoiatra, effettuare la pulizia della tasche mediante una detersione con luce laser.
Ci sono infine forme di infezioni alle gengive che non vengono sconfitte dalla terapia antibiotica. Una particolare tecnica che viene usata è quella dell’innesto di sangue. Questa tecnica prevede il prelievo del sangue dall’organismo del paziente, il sangue viene successivamente privato del plasma (una apposita macchina presente solitamente in ogni studio odontoiatrico riesce a fare questa operazione) ed infine si inserisce nella gengiva per stimolarne la ricrescita.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Come curare le malattie gengivali?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento