Cosa ne pensi del nucleare in Italia?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 17:24:54 19-03-2011

In Italia lo sfruttamento dell’energia nucleare non è una novità ed ha origini lontane. Infatti, nel 1955 l’Italia ebbe, sul proprio territorio, tre impianti di prima generazione, basati sulle più innovative tecnologie disponibili al tempo: BWR, PWR e Magnox. Ovviamente, da allora l’evoluzione tecnologica ha fatto il suo corso, ed oggi le centrali nucleari sono sicuramente più sicure di cinquant’anni fa.

Nel luglio 2007 è nato il Forum Nucleare Italiano (http://www.forumnucleare.it/), di cui spesso si è sentito parlare negli ultimi tempi per via della famosa pubblicità in tv, in cui alcune persone giocano a scacchi mentre si pongono domande circa i pro e i contro del nucleare, per poi scoprire che entrambi i giocatori sono la medesima persona che “combatte” con se stessa. Sul sito del FNI è possibile trovare informazioni sempre aggiornate sul mondo dell’energia nucleare.

I motivi per essere contro il nucleare sono stati accentuati dai recenti accadimenti in Giappone. Infatti, tutti sappiamo cosa sta succedendo per via dell’esplosione della centrale di Fukushima.
I critici del nucleare vedono questa nuova forma di energia come una possibile causa di incidenti, infatti il nucleo di un impianto può riscaldarsi e fondere, rilasciando radioattività. Un altro grosso problema riguarda lo smaltimento dei rifiuti radioattivi: al momento non esiste una soluzione, se non quella dello stoccaggio in magazzini sotterranei in attesa della scoperta di un metodo per il riuso delle scorie, che rimangono pericolose per molto tempo dopo l’utilizzo.
Inoltre, alcune persone vedono il ricorso al nucleare come qualcosa di dannoso perché collegato con la bomba atomica ed una sua possibile costruzione.
In più, esiste il problema del “terrorismo nucleare”, ossia la possibilità che gli impianti siano presi di mira da terroristi o criminali.
Infine, per quanto alcune persone continuino a negare l’evidenza, in Italia esiste una brutta piaga: la mafia. Personaggi senza scrupoli potrebbero entrare nel business del nucleare, con tutti i problemi che ne conseguono.

Per avere una valutazione oggettiva, però, bisogna considerare anche la tesi di chi, al momento, continua ad essere favorevole al nucleare.
La principale innovazione introdotta dalle centrali sarebbe l’abbattimento delle emissioni di CO2. Infatti, gli impianti nucleari non producono anidride carbonica ed ossidi di zolfo e azoto, principali cause dell’effetto serra e del buco nell’ozono.
La possibilità di produrre energia senza dover sfruttare il petrolio, inoltre, potrebbe conferire una maggiore indipendenza economica al nostro paese, da sempre importatore di petrolio dall’estero. Questo potrebbe tradursi in una maggiore stabilità dell’economia del bel paese, già fortemente provata da questo periodo di crisi.

La domanda “il nucleare è giusto o sbagliato?” pone le persone davanti ad una scelta difficile: da un lato il progresso e il bisogno sempre crescente di energia, dall’altro la paura di un disastro nucleare.

Pertanto, ognuno di noi dovrebbe domandarsi se l’energia nucleare potrebbe davvero giovare all’Italia o se, invece, si rivelerà solo un grosso sbaglio.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Cosa ne pensi del nucleare in Italia?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: il nucleare potrebbe essere la futura energia pulita , con energia nucleare si intendono tutti quei fenomeni in cui si ha produzione di energia in seguito a trasformazioni nei nuclei atomici

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Cosa ne pensi del nucleare in Italia?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento