Cosa fare in caso di trigliceridi alti?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 10:06:39 22-02-2012

Un alto livello di trigliceridi nel sangue fa crescere il rischio di disturbi e malattie a carico del sistema cardiovascolare, come infarto ed ictus, di sviluppare patologie come l’aterosclerosi e, per l’alta concentrazione di colesterolo, anche di incorrere in problemi metabolici, di ipertensione, sovrappeso e diabete. Insomma, un quadro davvero preoccupante che però può essere evitato seguendo alcune indicazioni ed adottando uno stile di vita sano e regolare.

Non è la presenza di trigliceridi nel sangue ad essere dannosa, ma i livelli di questa particolare tipologia di grassi che possono essere misurati attraverso le analisi del sangue. In generale, i livelli di trigliceridi ritenuti normale si attestano tra 40-170 mg/100 ml con alcune piccole oscillazioni. Ad esempio, i livelli massimi si abbassano per gli sportivi, mentre una concentrazione di 200 mg/dl è ancora da tollerare per coloro che sono sedentari.

In realtà, anche i valori inferiori alla norma sono indice di alcune problematiche, come anemia ed ipertiroidismo, ma sono sopratutto i valori alti ad essere più pericolosi. Inoltre, non sempre la presenza di alti livelli ematici di trigliceridi è accompagnata da una sintomatologia, se non in concomitanza con altre patologie, per cui è necessario fare un check-up regolare soprattutto con il passare degli anni.

In caso di trigliceridi alti è bene correggere la propria alimentazione ed il proprio stile di vita fin da subito. Dieta e attività fisica sono i migliori alleati per prevenire eventuali disturbi, ma non solo.
Fondamentale è tenere sotto controllo il proprio peso corporeo perchè i trigliceridi si originano anche dalla trasformazione in grasso delle calorie in eccesso. Non bisogna prestare attenzione solo alle calorie, in entrata e in uscita, ma anche alla qualità dei cibi eliminando alcolici, bibite zuccherine, fritture, alimenti ad alto contenuto di grassi. Sono da preferire, invece, gli zuccheri complessi, come la pasta, per la loro digestione lenta che inibiscono la produzione di trigliceridi. Bisogna aumentare la quantità di legumi, verdura e frutta, ma per quanto riguarda quest’ultima, vanno escluse le varietà esotiche, ricche di zuccheri. In pratica, chi ha problemi di trigliceridi alti deve seguire un’alimentazione simile ai soggetti diabetici.

Importante poi è la pratica di attività sportiva che permette di produrre un’enzima specializzato nella distruzione delle lipoproteine dei trigliceridi (VLDL). Se proprio dieta ed alimentazione non dovessero bastare, si può ricorrere ad alcuni aiuti come la niacina, farmaci fibrati, statine e integratori di omega-3, da assumere però dietro stretto controllo medico.

Il medico, inoltre, potrà consigliare la cura più idonea alle proprie esigenze e sopratutto verificare che gli alti livelli di trigliceridi nel sangue non siano la spia di altri disturbi o l’effetto causato da alcuni farmaci, come quelli per contrastare l’innalzamento della pressione arteriosa.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Cosa fare in caso di trigliceridi alti?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: seguire una sana alimentazione , fare sport

Giudizio negativo Svantaggi: malattie a carico del sistema cardiovascolare

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: diabete ipertensione pressione arteriosa trigliceridi

Categoria: Salute

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Cosa fare in caso di trigliceridi alti?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento