Cos’è stata l’Operazione Desert Storm?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 15:45:28 28-02-2011

L’operazione “Desert storm” è stata condotta il 17 gennaio 1991 con il bombardamento aereo di Baghdad da parte delle forze aeree della coalizione. In quei giorni si combatteva la cosiddetta “Guerra del Golfo” che ebbe inizio il 2 agosto del 1990 quando Saddam Hussein occupò in pochissime ore il piccolo emirato arabo del Kuwait, proclamandolo diciannovesima provincia irachena.
Nello stesso giorno il Consiglio di sicurezza dell’Onu impose il ritiro immediato di tutte le forze irachene varando anche una serie di sanzioni economiche contro l’Iraq. Ma Saddam non molla, nonostante l’ultimatum impostogli dalle Nazioni Unite con il quale gli ordinano di ritirarsi dal Kuwait entro il 15 gennaio.
Venne allora costituita un’imponente coalizione politico-militare, composta da ben 32 Paesi, guidata dagli Stati Uniti e contro Saddam. Ad essa presero parte per la maggioranza i britannici con 45 mila soldati, 70 aerei e 13 navi da guerra, e i francesi con 18 mila soldati, 60 aerei e 8 navi, nonché l’Egitto e la Siria.
Il 16 gennaio alle ore 8,0, ora locale di Baghdad, fu scaduto l’ultimatum delle Nazioni Unite.
Sotto la bandiera dell’Onu e il comando del generale americano Norman Schwarzkopf, il 17 gennaio 1991, alle ore alle ore 2,38 del mattino prende così inizio quella che è stata chiamata l’operazione “Desert storm” ovvero “tempesta del deserto”.
La gigantesca battaglia aerea e tecnologica ha visto più di mille uscite al giorno di aerei delle forze americane, britanniche, saudite e kuwaitiane. Anche i Tornado italiani si vedranno coinvolti nell’operazione. Una pioggia impressionante di bombe e missili da crociera si abbatté sulla capitale dell’Iraq, Bassora ed altre città. Obiettivi divennero le basi aeree, le caserme e i concentramenti delle truppe irachene, nonché le postazioni occupate nel Kuwait come le centrali elettriche, i centri di telecomunicazioni e le infrastrutture petrolifere. L’aviazione messa in campo da Saddam subì pesanti perdite sotto l’attacco aereo della coalizione, al quale il rais rispose anche lanciando 42 missili balistici Scud privi delle temute testate chimiche.
Un attacco è stato condotto via terra con l’operazione “Desert sabre” che ebbe luogo il 24 febbraio e solo dopo che la gran parte dei mezzi delle truppe irachene erano andate distrutte con i raids aerei.
Il combattimento durerà per 42 giorni, dal 16 gennaio al 28 febbraio. Gli iracheni si ritireranno dal Kuwait solo dopo aver incendiato diversi pozzi petroliferi. Il Presidente Americano Bush annuncia così la fine dei combattimenti e il 27 febbraio le truppe alleate faranno il loro ingresso a Kuwait City. Tra i militari iracheni si conteranno 100 mila morti, tra i civili 20 mila, nelle truppe alleate 165 uomini morti e 207 feriti. Tanti anche gli aerei abbattuti, le navi affondate e i mezzi blindati andati distrutti.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Cos’è stata l’Operazione Desert Storm?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: La gigantesca battaglia aerea e tecnologica ha visto più di mille uscite al giorno di aerei delle forze americane , è durata 42 giorni

Giudizio negativo Svantaggi: ci sono stati moltissimi morti

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: ambiente guerra operazione desert storm

Categoria: Ambiente

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Cos’è stata l’Operazione Desert Storm?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento