Cos’è l’olio lampante?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 10:33:56 19-03-2014

L’olio lampante è chiamato così perché in passato era utilizzato per alimentare le lampade ad olio: è quindi un olio combustibile. L’olio lampante non è commestibile: infatti, presenta elevati livelli di acidità (l’acidità è superiore al 2%) ed è sgradevole sia al gusto che all’odore. Tuttavia, quest’olio può essere utilizzato per uso alimentare ma solo dopo essere stato sottoposto ad un processo di rettifica o di raffinazione.

Vediamo in che modo. Innanzitutto, va detto che l’olio lampante viene fatto in frantoio solo con olive e attraverso procedimenti meccanici. Per abbassare la sua acidità e per eliminare odori e cattivi sapori, è necessario procedere alla raffinazione dell’olio lampante: l’olio lampante, che è trattato chimicamente in raffineria, diventa Olio di Oliva raffinato o rettificato. L’olio di Oliva raffinato per essere tale, cioè raffinato, è sottoposto a tre processi: alla deacificazione, decolorazione e deodorazione: grazie a questi processi l’olio raffinato che si otterrà sarà inodore, incolore e insapore. Vediamo in cosa consistono questi processi per raffinare l’olio lampante:
- deacidificazione o neutralizzazione: per eliminare l’eccesso di acidità che presenta l’olio lampante, si utilizza una soluzione di soda caustica che viene messa in alcuni recipienti dotati di agitatori per erogare calore;
- decolorazione: l’olio viene fatto passare attraverso filtri di terra e poi la terra viene trattata con solvente esano per estrarre l’olio in esso contenuto;
- deodorazione: il cattivo odore viene eliminato con una distillazione in correnti di vapore e in recipienti sottovuoto.

Successivamente, l’olio d’oliva raffinato diventa Olio di Oliva dopo essere stato miscelato con olio vergine o extravergine: in questo modo assume sapore e colore. La percentuale minima di olio vergine o extravergine da unire all’olio raffinato non è stabilita dalla legge: ma di solito la percentuale è dell’5-8%.
Non molto tempo fa era stata avanzata una proposta dalla Coldiretti per affrontare la crisi che vive il settore olivicolo: la proposta era quella di utilizzare l’olio lampante prodotto nel Salento come combustibile in centrali per la produzione di energia alternativa.

Cos’è l’olio lampante?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Cos’è l’olio lampante?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento