Cos’è l’IRAP?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 14:52:34 23-06-2011

L’IRAP è l’acronimo di Imposta Regionale sulle Attività Produttive introdotta dal decreto legislativo del 15 dicembre 1997 numero 446 e modificata nel corso degli anni da vari provvedimenti, tra i quali le leggi finanziarie.
Questa imposta non colpisce le persone fisiche o giuridiche in generale ma soltanto coloro i quali svolgano un’attività produttiva di beni e servizi. Nello specifico, è possibile individuare quelli che sono i soggetti che hanno l’obbligo di versamento dell’IRAP nei seguenti:
- le persone fisiche, le società e gli enti pubblici che svolgono attività produttiva;
- i produttori agricoli;
- i lavoratori autonomi;
- le banche e le assicurazioni.
Tutti i soggetti obbligati devono dichiarare i redditi soggetti all’IRAP tramite il modello IRAP che è previsto nel modello Unico, quindi contestualmente alla dichiarazione dei redditi.
L’imposta si applica sul valore netto della produzione, pertanto per calcolare la base imponibile è necessario detrarre tutti i costi dal totale dei ricavi dell’esercizio. Tranne alcune eccezioni previste per dei settori in particolare, l’aliquota dell’imposta, da applicare sull’importo calcolato come anzidetto, è attualmente del 3,9%: originariamente ammontava al 4,25% e la modifica, che ha portato l’aliquota al valore attuale, è intervenuta con la legge finanziaria del 2008. In ogni caso, essendo un’imposta di competenza regionale è possibile che vari, in aumento o in diminuzione, da regione a regione, perché ad esse è data la facoltà di aumentarla fino ad un punto percentuale. Il versamento dell’imposta va fatto per intero relativamente all’anno precedente e per un acconto pari al 99% relativamente all’anno in corso.
Volendo fare un esempio: se un imprenditore ha avuto un reddito netto derivante dall’attività produttiva nell’anno 2009 pari ad euro 30000, sarà tenuto al versamento dell’IRAP che ammonta ad euro 1170,00. L’acconto, pari al 99% di euro1170,00, corrisponde ad euro1158,30, da versare in due rate, del 40%, pari ad euro 463,32, da pagare entro il 16 giugno o entro il 16 luglio, ma pagando lo 0,40% in più (il pagamento del 40% non è però obbligatorio se la prima rata non supera le 103,00euro), e del 60% pari ad euro 694,98 da pagare entro il 30 novembre (in virtù di quanto detto prima, sarebbe dovuto il pagamento per intero se non fosse stata versata la prima rata).
Il pagamento va effettuato, entro le date di scadenza, attraverso il modulo F24, reperibile, tra l’altro, sul sito dell’Agenzia delle Entrate, che si occupa della gestione di tutto quanto attiene al pagamento delle imposte.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Cos’è l’IRAP?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: questa imposta non colpisce le persone fisiche o giuridiche in generale ma soltanto coloro i quali svolgano un'attività produttiva di beni e servizi , il pagamento va effettuato, entro le date di scadenza, attraverso il modulo F24

Giudizio negativo Svantaggi: il versamento dell'imposta va fatto per intero relativamente all'anno precedente e per un acconto pari al 99%

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: finanziaria Imposta Regionale sulle Attività Produttive irap

Categoria: Affari e finanza

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Cos’è l’IRAP?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento