Come coltivare le patate?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 18:18:29 07-01-2011

Se abbiamo deciso di predisporre un piccolo orto nel nostro giardino, perché non scegliere di dedicare un piccolo appezzamento di terreno alla coltivazione delle patate? Ecco, dunque, quali sono gli accorgimenti necessari per coltivare tali tuberi, che, tra l’altro, possono anche essere fatti crescere sul terrazzo di casa. Nel caso in cui scegliamo di lavorare in giardino, sarà comodo ricorrere a una zappa. Se invece ci dedicheremo alla coltivazione sul balcone, armiamoci di guanti, perché ci sarà da lavorare con le mani. Il punto di partenza per la coltivazione è il seme. Tuttavia, se non vogliamo comprare i semi, possiamo utilizzare semplicemente qualche patata andata a male, di quelle ricche di radici. Solitamente sono quelle che buttiamo, e invece stavolta possono tornarci utili. Se a casa non ne abbiamo, possiamo recarci dal nostro negoziante di fiducia e farcene regalare qualcuna, visto che altrimenti sarebbero destinate a essere buttate via. A questo punto è necessario prendere le patate con germoglio e tagliarle. Nel caso in cui fossero presenti più germogli sulla patata, dovremo avere l’accortezza di dividerla in parti uguali, così che ogni parte abbia un germoglio. Dovremo prestare attenzione, ovviamente, a non rovinare il germoglio stesso mentre tagliamo. Anche se si tratta di una germinazione non notevole, non dobbiamo preoccuparci, perché lo sviluppo si verifica sotto la terra. Quand’è il momento giusto per iniziare a coltivare? In genere la coltivazione è consigliata con un clima temperato, quindi l’ideale sarebbe il mese di marzo. Ecco, dunque, come procedere nel caso in cui vogliamo coltivare sul balcone di casa. Ci basterà prendere una cassa, e riempirla con terreno per circa cinque centimetri. A questo punto dovremo interrare i pezzi di patata che abbiamo tagliato in precedenza. Una volta che verranno alla luce le prime patate, dovremo aggiungere altri cinque centimetri di terreno, così da coprire le piante. Si tratta a tutti gli effetti di una coltivazione a strati, che consente di risparmiare spazio. Per quando riguarda la coltivazione in giardino, invece, sarà necessario preparare il terreno applicando dei solchi non molto grossi, paralleli tra loro e non meno lontani di cinquanta centimetri l’uno dall’altro. Ora basterà interrare le patate con i germogli, ad una profondità di circa dieci centimetri. Sarà opportuno tenere d’occhio la zona di coltivazione, allo scopo di rimuovere e strappare eventuali erbacce infestanti che potrebbero nascere e dare fastidio alla nostra coltivazione. È importante sottolineare, poi, sia che si coltivi in giardino sia che si coltivi sul balcone di casa proprio, che bisogna applicare una buona irrigazione, che dev’essere costante specialmente nelle zone molto calde e nei periodi in cui la temperatura è più alta. Ricordiamo, infine, che la patata necessita di un terreno molto fertile e sufficientemente drenato, leggero, lavorato in maniera adeguata già alcuni mesi prima (cioè vangato e concimato). Se, dunque, interreremo i tuberi all’inizio della primavera (o eventualmente alla fine dell’inverno, a seconda della zona in cui ci troviamo), il terreno dovrà essere preparato già nel corso dell’autunno precedente.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Come coltivare le patate?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento