Chi erano gli Illuminati?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 15:59:09 06-04-2011

Quando si parla di Illuminati si fa riferimento a una società segrete del Diciottesimo secolo, originaria della Baviera, il cui nome preciso era Ordine degli illuminati. Fondata a Ingolstadt il primo maggio del 1776 da parte di Johann Adam Weishaupt, il nome originario era Illuminatenorden. Già in Spagna, negli Alumbrados, e in Francia, negli Illumines, possono essere trovate le tracce del pensiero di Weishaupt. Non si tratta di somiglianze derivanti solamente da comunanza di nomi o dalla presenza di occulti segreti, ma anche di tratti simili. In ogni caso, in realtà non si può affermare con certezza storica che tra i diversi movimenti vi sia un qualche tipo di legame. In particolare, essi hanno in comune le pratiche mistiche attraverso le quali tentano di raggiungere Dio tramite la meditazione o il ricorso a pratiche sessuali, oltre all’affermazione che l’illuminazione può essere ottenuta durante la vita, purchè legata a un cammino iniziatico. Ma ripetiamo, non è stato ancora dimostrato con sicurezza che tra i diversi gruppi Illuminati vi siano legami certi. Al pensiero degli Illuminati sono legati alcuni tratti dell’opera di Johan Amos Komensky, meglio noto come Comenius, pedagogo che propose un sistema fondamentalmente gnostico. La conoscenza che abbiamo oggi degli Illuminati è dovuta in gran parte allo storico Renè Le Forestier, che ebbe la possibilità di visionare molti documenti che in seguito andarono distrutti in occasione delle due guerre mondiali. La società degli illuminati, come detto, nacque ufficialmente nel 1776. In principio il loro nome era Ordine dei Perfettibili. Fu Weishaupt a cambiare il nome. Egli era un professore di giurisprudenza dell’università locale, molto attivo all’interno della società insieme con lo studente Max Merz. Entrando nello specifico, notiamo che tale società nasceva come alternativa alla massoneria tedesca, che proprio in quegli anni stava prendendo piede, e con essa condivideva la divisione gerarchica, derivante da riti iniziatici, e il carattere di segretezza. Al fine di incrementare l’autorità dell’associazione, a ciascun membro veniva assegnato un nome mitico, una sorta di passato storico di finzione con tratti di autocelebrazione. I principio a far parte degli Illuminati erano solamente allievi universitari il cui scopo dichiarato consisteva nel diffondere le opere dei Lumi in Baviera, stato che fino a quel momento vietava gran parte di quegli scritti. Un altro loro obiettivo era quello di agire per introdurre un perfezionamento morale di chi faceva parte dell’associazione. A un livello superiore, si proponevano di riunire dapprima la Germania, e in seguito l’Europa, con l’intenzione di tornare al cosiddetto stato di natura, che avrebbe permesso agli uomini di vivere in pace e serenità. Alla base di tutto stava un insegnamento di tipo panteista, secondo il quale tutte le religioni erano basate su imposture che avevano lo scopo di trasformare l’uomo in un essere superstizioso e debole. Secondo Weishaupt, in particolare, il solo modo per ottenere una società ideale consisteva nell’esperienza della società autoritaria. La struttura della società era piramidale, con gradi di iniziazione successivi.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Chi erano gli Illuminati?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: Fondata a Ingolstadt il primo maggio del 1776 da parte di Johann Adam Weishaupt , La struttura della società era piramidale

Giudizio negativo Svantaggi: la massoneria è nata con gli illuminati

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: illuminati Ingolstadt società segrete

Categoria: Arte e cultura

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Chi erano gli Illuminati?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento