Chi erano i Druidi?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 16:30:47 04-01-2011

I Druidi erano gli antichi sacerdoti Celti che vivevano in Irlanda, Inghilterra e nell’Europa Centrale ed il loro nome deriva da due parole celtiche che significano: quercia e saggezza..
Essi tramandavano l’antica cultura ed erano a conoscenza di ricette per preparare pozioni magiche, che ai nostri giorni chiameremo rimedi naturali per curare alcune malattie. Le loro conoscenze erano tramandate da l’uno all’altro solo oralmente studiando formule e versi anche per anni.

I Druidi appartenevano a diverse popolazioni di stirpe indoeuropea e grazie alle testimonianze di storici contemporanei greci e romani, tra i quali Giulio Cesare, e letterati gallesi ed irlandesi possiamo sapere qualcosa di loro, come il fatto che conoscessero l’alfabeto greco che usavano per scrivere. Altre informazioni su di essi si ricavano dall’esame di reperti archeologici rinvenuti nelle zone abitate da loro e da tombe rinvenute, come quelle di Newgrange.
rimangono iscrizioni rupestri realizzate dai Druidi che assomiglia a quelle di altri popoli ed alcuni simboli come il “nodo infinito” e la spirale del “Triskell” che simboleggia l’Universo in continuo divenire.

I Druidi oltre ad essere sacerdoti erano scienziati, filosofie e giudici ed avevano una gerarchia al loro interno che prevedeva una divisione in classi. La classe di sacerdoti era la più importante ed era quella che si occupava dei sacrifici, del culto religioso e che consigliava sulle questioni politiche i potenti.
La classe intermedia era formata da poeti che tramandavano antiche leggende e miti con i loro canti e che accompagnavano i soldati in guerra, ma senza combattere, e quella più bassa era costituita da indovini che prevedevano il futuro ma che si occupavano anche di astronomia studiando il calendario, di medicina ed in prima persona del culto e dei sacrifici.

All’interno di questa gerarchia quindi ogni druido aveva un compito e c’era chi consigliava il re sul momento propizio per dare battaglia, chi lanciava maledizioni, chi praticava la chirurgia, chi guariva usando le erbe, chi tramandava storie perpetuando la tradizione orale, chi suonava l’arpa in modo celestiale.

La divisione in tre classi rispecchia quella di altri popoli ed esprime il desiderio primitivo degli uomini di dividere il potere sacro, quello dei guerrieri e quello produttivo.

La cultura druidica è legata a pratiche sacrificali che venivano fatte per propiziarsi le divinità da loro venerate, circa quattrocento, ma anche all’osservanza dei cicli lunari per i raccolti e da credenze particolari come quella che vuole che alcuni animali portassero sfortuna.

Appartengono alla tradizione druidica alcuni riti dai quali derivano feste come quella di Halloween che per loro segnava l’inizio dell’inverno ed il giorno dedicato al dio dei morti Samhain, la loro divinità più importante. In questa occasione andavano di casa in casa per pregare i defunti che secondo la loro credenza dopo la morte si trovavano in una sorta di stadio intermedio e dovevano arrivare al cielo grazie alle preghiere oppure rimanere sulla Terra possedendo il corpo di un’altra persona.

Con l’avvento della dominazione romana in gran parte dell’Europa furono perseguitati perché ritenuti soltanto dei ciarlatani e col passare del tempo andò perduta la loro cultura legata alla libertà ed al culto della natura.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Chi erano i Druidi?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento