Che differenza c’è fra il nuovo e il vecchio decreto sul fotovoltaico?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 10:26:21 09-03-2011

Approvato e ormai considerato attuato dall’inizio dell’anno , licenziato dal Consiglio
dei Ministri e che regolamenterà proprio l’utilizzo delle energie rinnovabili e degli impianti
fotovoltaici nel nostro paese, da qui fino al 2013 , non a tutti è noto il nuovo decreto fotovoltaico , che va a sostituire il precedente che , entrato in vigore nel 2007 , è stato considerato valido fino allo scadere
del 2010.
Si tratta di un decreto decisamente molto atteso , soprattutto dopo le voci girate per mesi in cui
sembrava che tutti gli incentivi all’utilizzo delle energie rinnovabili sarebbero stati miseramente
e nettamente tagliati , ma per fortuna non è stato proprio così.
Il nome con cui questo tipo di decreto è meglio noto è ” Conto Energia ” , che elargirà incentivi
agli interessati , privati oppure istituzioni pubbliche che siano , che vogliano fornirsi di un impianto
per l’energia fotovoltaica allacciato alla rete pubblica.
L’incentivo stesso sarà strettamente correlato , esattamente come accadeva con il decreto
precedente , alla quantità di energia che verrà sprigionata grazie a questa operazione.
Il problema è che rispetto alla precedente versione del ” Conto Energia ” , ovvero quella che è stata in vigore dall ‘ anno 2007 al 2010 completo , gli incentivi sono davvero tanti tanti di meno : insomma ,
è vero che gli incentivi sono rimasti per cercare di espandere il più possibile lo sfruttamento
di questa energia rinnovabile , è anche vero che i tanto famigerati tagli ci sono stati , eccome.
Infatti , le tariffe incentivanti saranno di circa un quarto più basse delle precedenti , con un taglio
di circa il 20 – 25 % dei fondi stanziati nel decreto fotovoltaico precedente.
Come se questo non fosse di per sé già danno , ogni anno gli impianti che apriranno da dopo il
2011 vedranno anno per anno decurtati i propri finanziamenti di un 6 % che sarà ancora più
dannoso.
Ci sono una serie di vantaggi ulteriori elencati nel nuovo ” Conto Energia ” , come quelli per chi dimostra di essere riuscito a fornire energia all’intero edificio in cui i pannelli sono stati posizionati.
Altra novità inserita nel nuovo decreto fotovoltaico ora in vigore è la categoria “impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative” che si aggiunge alle due già esistenti nel precedente
decreto , ovvero “impianti fotovoltaici realizzati sugli edifici” e la generica tipologia
“altri impianti fotovoltaici”.
La nuova tipologia ora introdotta potrà beneficiare di incentivi finanziari più alti delle altre due
tipologie , e per tutte e tre le categorie c’è la possibilità di beneficiare anche di altri incentivi ,
erogati da altre istituzioni oppure da altri enti , che possano essere considerati cumulativi , riuscendo
ad aiutare un po’ di più gli impianti fotovoltaici.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Che differenza c’è fra il nuovo e il vecchio decreto sul fotovoltaico?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: decreto decisamente molto atteso , Il nome con cui questo tipo di decreto è meglio noto è Conto Energia

Giudizio negativo Svantaggi: gli incentivi sono davvero tanti tanti di meno

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: Consiglio conto energia decreto sul fotovoltaico dei Ministri

Categoria: Società e culture

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Che differenza c’è fra il nuovo e il vecchio decreto sul fotovoltaico?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento