Che cosa è l’Ermeneutica?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 16:12:13 16-03-2011

Il vocabolo ermeneutica deriva dal greco hermeneutiké e si può tradurre come arte dell’interpretazione.
In filosofia è la metodologia con cui si interpretano, traducono e spiegano i testi. Si tratta di una materia nata in ambito religioso appositamente per l’interpretazione dei testi sacri, in primo luogo la bibbia, per questo motivo si parla spesso di ermeneutica o esegesi biblica.

Ora il suo campo di applicazione si è esteso anche ad altre branche, si hanno anche un’ermeneutica giuridica, volta all’interpretazione delle norme in giurisprudenza e un’ermeneutica artistica che si interessa di capire la simbologia e il significato di opere d’arte.
Ma l’interpretazione dei testi può coinvolgere anche altre opere dell’intelletto umano, ad esempio alcuni testi filosofici di Aristotele sono stati sottoposti ad analisi e lo stesso può dirsi del pensiero di Machiavelli, Marx e Gramsci.

Si tratta di una disciplina di nascita recente (XIX secolo), le diverse scuole di pensiero su come interpretare un testo fanno capo a nomi come Gadamer, Habermas, Dilthey ed Heidegger, nomi sconosciuti ai più.

La parte del leone come soggetto di studio per l’ermeneutica la fa il tema biblico.
Da sempre, soprattutto l’antico testamento ha posto diversi interrogativi agli studiosi, da qui ecco perseguire lo scopo di mettere in grado il lettore di comprendere non solo un brano del libro, ma l’opera nella sua interezza.
In antichità, gli scrittori del nuovo testamento davano agli scritti precedenti una interpretazione esclusivamente letterale, ma ben presto si è capito, e lo ha capito la chiesa stessa, che era necessario interpretare certi fatti e certi simboli che non corrispondevano a realtà, ma miravano ad un insegnamento più largo.

Il primo problema da affrontare era quello della traduzione; i testi biblici, così come ci sono pervenuti, non sono la traduzione degli originali, bensì di copie, spesso trascritte con lacune e vocaboli illeggibili e/o incomprensibili.
Per la chiesa fu necessario seguire e applicare delle regole precise per giungere a un’interpretazione il più vicina possibile a quello che doveva essere l’intento dell’autore; nacquero così diverse scuole di pensiero che si sono differenziate sulla base della corrente cristiana a cui appartenevano.

L’ermeneutica giuridica, invece, è una branca della filosofia del diritto, nata nel XX secolo in Europa e in America.
Si propone all’inizio come riflessione sulle metodologie per l’interpretazione delle leggi, poi sulla spinta dello studioso Gadamer, divenne una vera e propria corrente filosofica.
Per l’interpretazione l’attenzione non si pone più sulla norma in sè stessa, ma bensì sull’intera giurisprudenza, cioè sull’insieme di tute le norme e lo spirito a cui esse sono ispirate.
I maggiori studiosi che si sono occupati dll’ermeneutica giuridica sono: Esser, Engisch, Hassemer e Kaufmann.

A chi fosse interessato all’ermeneutica in generale e alle sue metodologie può indirizzarsi anche verso testi di epistemiologia e filosofia ontologica.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Che cosa è l’Ermeneutica?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: La parte del leone come soggetto di studio per l'ermeneutica la fa il tema biblico , In antichità, gli scrittori del nuovo testamento davano agli scritti precedenti una interpretazione esclusivamente letterale

Giudizio negativo Svantaggi: Il primo problema da affrontare era quello della traduzione

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: arte arte dell'interpretazione Ermeneutica

Categoria: Arte e cultura

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Che cosa è l’Ermeneutica?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento