Che cos’è un meme di Internet?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 8:21:20 11-01-2011

Quando nel 1976 Richard Dawkins (etologo britannico e ottimo divulgatore) diede alle stampe il suo libro “Il gene egoista” certo non immaginava di dare origine a uno dei concetti più interessanti e innovativi degli ultimi quarant’anni: quello di “meme”.
Il libro è tuttora molto controverso e discusso per la sua tesi principale , ossia che le persone non sono altro che l’”armatura protettiva” del loro patrimonio genetico. Ma è il concetto di meme ad aver colpito il mondo scientifico e l’opinione pubblica: lo stesso etimo della parola, formata sul calco di “gene” con “mimesi” richiama il patrimonio genetico e la possibilità di riprodursi ed evolversi.
Il meme, nella definizione di Dawkins, è un’entità di informazione che ha la capacità di moltiplicarsi passando da una mente all’altra. Niente di esoterico in questa definizione, il classico esempio di meme è la canzoncina che sentiamo alla mattina alla radio e che per tutto il giorno ripetiamo distrattamente: il meme della canzone si è “impiantato” nel nostro cervello. Nel frattempo la riproduzione del meme continua senza sosta: canticchiando potremmo aver contagiato anche il nostro vicino di scrivania, che a sua volta continua a ripetere lo stesso motivo.
Anche questo esempio mostra la potenza del concetto di meme ossia la sua somiglianza con il gene: come il patrimonio genetico anche il meme si riproduce mutando e così a ogni passaggio la canzoncina verrà storpiata nel testo o cantata con un motivetto leggermente diverso. La mutabilità del gene apre spesso le porte a concetti completamente diversi e a strade “evolutive” impensate.
Non si deve ritenere che il meme sia limitato alle canzoni: memi potenti sono ad esempio le ideologie politiche, gli slogan pubblicitari, le credenze religiose, le mode nell’abbigliamento e negli stili di vita. E come per i geni anche i memi hanno trovato un terreno di coltura particolarmente fertile: internet.
Fin dall’inizio della sua diffusione su larga scala internet ha avuto moltissimo a che fare con la diffusione di idee e senz’altro le catene di Sant’Antonio sono il classico esempio di diffusione di un’idea o di un informazione. In questo caso internet permette la distribuzione a migliaia di persone contemporaneamente di un concetto (per esempio il sabotaggio delle catene petrolifere) tramite e-mail. Il meme propagato “muore” quando non trova terreno fertile (la persona che non crede al concetto) mentre si moltiplica smisuratamente nel caso contrario.
Ma ancora più efficace è la distribuzione dei cosiddetti “viral”, filmati, immagini o animazioni flash che per la loro efficacia comunicativa si diffondono enormemente col solo passaparola. “Viral” non a caso si riferisce proprio al diffondersi “virale” di un batterio o di una malattia.
Anche se spesso sono molto divertenti (si pensi ai “Chuck Norris’Fact”) proprio l’efficacia dei viral come mezzo di trasmissione di idee o messaggi mostra il lato oscuro del concetto di meme. I pubblicitari, capitane la potenza nel veicolare prodotti, studiano e progettano i memi perchè siano di facile e immediata penetrazione. Ma qual’è il confine tra legittima diffusione di un’idea e manipolazione?

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Che cos’è un meme di Internet?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento