Che cos’è l’elefantiasi e cosa la causa?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 9:59:50 23-12-2010

L’elefantiasi è la conseguenza di una malattia parassitaria causata da un nematode (un tipo di verme cilindrico) appartenente alla famiglia delle Filariidae; si manifesta con rigonfiamenti, duri al tatto e spesso di volume spropositato, della pelle degli arti inferiori o degli organi genitali esterni. L’accumulo di tessuti molli inspessisce la carne, ingrossa le gambe e le rende simili alle zampe del pachiderma da cui la deformità trae il proprio nome. Quando l’elefantiasi colpisce i genitali, invece, ipertrofizza lo scroto gonfiandolo a dismisura; lascia tuttavia illesi i testicoli e il pene, che si ritira all’interno dell’incavo lasciato dalla deformazione.
La malattia che provoca l’elefantiasi è la filariasi linfatica: i nematodi (Wulchereria bancrofti o Brugia malayi) si posizionano presso i vasi linfatici ed impediscono la circolazione. Un’altra causa può essere un’infezione dovuta a scarsa igiene.

Le filariasi linfatiche colpiscono più di 90 milioni di persone: la causa più comune dell’elefantiasi nel terzo mondo è proprio questo parassita. Esso infesta la zanzara (principalmente il Culex quinquefasciatus) sotto forma di larva finché non viene iniettato nell’uomo attraverso la ferita della puntura. Una volta giunte a maturazione nell’organismo, le vermiformi filarie occupano i vasi linfatici e le linfoghiandole, ostruendoli, causando floglosi ed emettendo sostanze tossiche per l’organismo. Nella fase tardiva della malattia la loro azione impedisce il corretto drenaggio linfatico, quindi le proteine contenute nel liquido interstiziale si accumulano nel tessuto sottocutaneo (e solo lì; per questo l’elefantiasi lascia relativamente indenne il tessuto muscolare). Dopo 3 o 9 mesi (a seconda della specie del parassita) gli esemplari adulti cominciano a produrre microfilarie. Le larve delle microfilarie restano nel sangue, e vengono nuovamente trasmesse da un soggetto all’altro tramite le punture di zanzara: il ciclo ricomincia.
Le microfilarie, oltre ad essere la causa della patologia, costituiscono gli elementi indispensabili per la sua diagnosi: la filariasi è confermata quando se ne trovano reperti nel sangue e nelle urine notturni.

Il farmaco più adatto all’eliminazione della patologia è il DEC (citrato di Di-etil-Carbamazina), che paralizza le microfilarie e permette al sistema immunitario dell’ospite di espellerle. Risulta meno efficace sulle filarie adulte. Il DEC va somministrato in dosi ridotte, in quanto la distruzione complessiva e contemporanea di tutte le microfilarie può provocare effetti collaterali, solitamente sotto forma di manifestazioni allergiche, febbre, cefalea, capogiri, dolori ai muscoli, nausea.

La filariasi non uccide, ma infesta la linfa e deturpa gli arti. Si contrae spesso durante l’infanzia, e non si manifesta se non anni dopo; allo stato avanzato può essere fortemente e permanentemente invalidante. Per eliminare l’elefantiasi scrotale bisogna ricorrere alla chirurgia, ed eventuali interventi volti a ripristinare l’aspetto originario delle gambe non sempre vanno a buon fine.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Che cos’è l’elefantiasi e cosa la causa?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento