Che cos’è un impronta ecologica?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 10:48:41 11-02-2011

Ogni volta che mangiamo, ci facciamo una doccia, usiamo un foglio di carta (l’elenco delle attività è immenso e copre ogni aspetto della nostra quotidianità), siamo in debito con il pianeta. In parole povere, per le nostre attività giornaliere, fondamentali o meno, usiamo le risorse che ci vengono messe a disposizione dall’ambiente, ed in esso scarichiamo i rifiuti derivanti da tali azioni. Azioni che ormai stanno creando un forte squilibrio tra domanda e offerta. Il mondo scientifico, e non solo quello, si sta ponendo interrogativi sulla questione ed è stata coniata la dicitura di “impronta ecologica” proprio per identificare tale fenomeno.
L’impronta ecologica è quindi un indice che rapporta il consumo delle risorse della Terra da parte dell’uomo con le capacità del pianeta di rigenerarle. Nazione per nazione, si analizzano e quantificano gli stili di vita degli abitanti (consumi stimati con una media attendibile) e li si raffronta con la quantità di natura indispensabile per sostenere nel tempo le abitudini del Paese… ma anche del singolo individuo. La formula è stata studiata per essere facilmente comprensibile e di grande impatto. In sostanza, il parametro utilizzato è semplice: l’area di superficie terrestre (mari compresi) ancora utilizzabile, espressa in ettari procapite, usati per soddisfare i bisogni di ognuno e per ospitare i rifiuti. E’ un’impronta virtuale ma assai precisa, le cui dimensioni variano da persona a persona e a seconda delle diverse aree del mondo… perchè è quasi inutile ricordare che i Paesi consumano in proporzione al loro grado di ricchezza (ricchezza economica, non ambientale).
Grazie all’impronta ecologica, oggi siamo in grado di stabilire senza tema di smentita che ormai consumiamo molto di più di quanto il pianeta sia in grado di sostenere. E’ come se facessimo, sistematicamente, una spesa nettamente superiore alle nostre capacità finanziarie. Insomma, il borsellino si sta svuotando troppo velocemente e in un futuro nemmeno così lontano la dispensa resterà vuota. E’ anche interessante notare quanto l’impronta degli Stati più ricchi sia proporzionalmente enorme rispetto a quella dei Paesi poveri. L’impronta globale ci permette di stimare quanti pianeti come il nostro sarebbero necessari per garantire la prosecuzione dei nostri stili di vita; ci offre la possibilità di comprendere che è necessario porre un freno ai consumi di ogni tipo, non solo alimentari. Alcuni siti internet, ad esempio quello del WWF, danno la possibilità di calcolare la propria impronta ecologica. E’ un ottimo modo, soprattutto per i bambini, per imparare a risparmiare nella nostra vita e, al contempo, risparmiare la Terra. Perchè lo spazio non occupato dall’impronta dell’uomo (che sempre più tende a consumare una mole decisamente maggiore di prodotti della natura di quanto gli è necessario) ormai non esiste più. L’impronta ecologica è una finestra sul futuro, alla quale fa bene affacciarsi… giusto per responsabilizzarsi un po’.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Che cos’è un impronta ecologica?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento