Che cos’è il cognitive computing?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 12:05:45 26-03-2014

Il cognitive computing è una tecnologia che cambierà il modo di rapportarsi coi computer, rendendolo più immediato e “diretto”. In un futuro non così lontano sarà infatti possibile “dialogare” con le macchine, le quali saranno capaci di imparare dall’esperienza. I primi progetti hanno già mostrato le loro grandi potenzialità.

I computer del futuro non si limiteranno più semplicemente a ripetere i flussi di informazioni che ricevono, ma riusciranno ad analizzarli ed a riflettere in maniera autonoma sui dati, per poi fornire le risposte più adeguate a seconda della situazione. I campi nei quali potranno essere impiegati i “computer cognitivi” sono numerosi, con dei vantaggi soprattutto in quei settori in cui si rende necessaria l’elaborazione di cospicue quantità di dati non omogenei.

Uno degli impieghi possibili è la diagnostica medica: i medici potrebbero avvalersi del supporto di applicazioni basate proprio sul cognitive computing; l’utilizzo in questo ambito velocizzerebbe l’analisi degli esami di laboratorio dei pazienti, che verrebbero valutati tenendo conto delle ricerche più aggiornate. I benefici non sarebbero solo in termini di tempo, ma anche in una maggiore precisione delle diagnosi e, in conclusione, nella formulazione di terapie più efficaci per i pazienti.

Oltre al settore medico, il cognitive computing troverebbe spazio anche nell’ambito commerciale, ad esempio nella creazione di “personal shopper” virtuali, che affiancherebbero i clienti nei negozi, aiutandoli negli acquisti.

Anche le multinazionali dell’energia potrebbero trovare utile una tecnologia di questo tipo, in particolar modo nell’esplorazione di nuove riserve di idrocarburi; in questo caso i dati da esaminare e approfondire sono numerosi e in diversi formati (ad esempio immagini, tabelle, testi, progetti e quant’altro) e poterli studiare attraverso macchine che utilizzano linguaggi più semplici e “naturali” renderebbe il procedimento molto più rapido, e soprattutto economico.

Tra quanto sarà possibile usufruire di questa futuribile tecnologia? Esistono già dei progetti a buon punto, in particolare quello della IBM denominato Watson, un sistema che è in grado di competere con la mente umana e che può “dialogare” con l’uomo con naturalezza, velocità e coerenza. E Watson ha già mostrato tutte le sue potenzialità circa tre anni fa, nel 2011, quando partecipò al celebre gioco a premi americano Jeopardy. A sua disposizione quattro terabytes di contenuti e nessun accesso ad internet: fu in grado di sconfiggere i due campioni del gioco Brad Rutter e Ken Jennings.

Che cos’è il cognitive computing?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Che cos’è il cognitive computing?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento