Come calcolare l’IMU per i terreni agricoli?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 15:57:48 16-04-2012

La nuova IMU, cioè l’imposta municipale sugli immobili, è stata istituita con la manovra del dicembre 2011 e deve essere versata da tutti coloro che sono titolari del diritto di proprietà o di usufrutto su beni immobili, quindi edifici e terreni.
L’applicazione dell’imposta e le modalità di pagamento sono state via via modificate durante i passaggi parlamentari e a tutt’oggi il suo versamento è previsto in due rate: un acconto del 50% da pagarsi entro il 18 giugno e il saldo entro il 17 dicembre. E’ anche allo studio un versamento suddiviso in tre rate, ma al momento nulla è ancora stato stabilito.
Tuttavia, nonostante l’incertezza che riguarda il numero dei versamenti e per molti comuni anche l’aliquota da applicarsi, ciò che è assolutamente certo è la modalità di calcolo dell’imposta, fermo restando che qualora l’amministrazione locale modifichi le aliquote, occorrerà procedere a un nuovo calcolo e al conguaglio con il saldo di dicembre.

Per i terreni agricoli l’IMU è dello 0,76% o 7,6 per mille, mentre per i fabbricati rurali che sono adibiti a ricovero degli attrezzi è dello 0,2%, ma ai comuni è lasciata facoltà di modificare le aliquote.
Per procedere al calcolo dell’imposta occorre conoscere l’importo del valore del reddito dominicale dei terreni di proprietà, tali importi sono quelli attribuiti dal catasto e qualora non si sappia a quanto ammontino sarà sufficiente richiedere una visura catastale (operazione gratuita).
I redditi dominicali devono essere rivalutati del 25% (ai sensi della L. 23/12/1996, n. 662), quindi basterà moltiplicare gli importi per 25 e dividere per 100; il risultato ottenuto va sommato ai redditi per ottenere la rivalutazione.
Il nuovo importo deve essere moltiplicato per un parametro stabilito dal Parlamento e che è pari a 130 per chi non sia imprenditore agricolo, mentre scende a 110 per i coltivatori diretti e per coloro che sono iscritti all’ente di previdenza agricola.
Il reddito del terreno rivalutato va quindi moltiplicato per uno dei due parametri, secondo la situazione in cui ci si trova e il prodotto ottenuto costituisce la base imponibile ed è dunque su questo importo che deve essere calcolata l’IMU, semplicemente moltiplicando per 7,6 e poi dividendo per 1.000.
In caso di fabbricati rurali invece si procederà moltiplicando per 2 e poi dividendo per 1.000.
La cifra ottenuta va divisa a metà (o in tre parti qualora venga modificata la normativa) e la prima rata dovrà essere versata entro il 18 giugno.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Come calcolare l’IMU per i terreni agricoli?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: occorre conoscere l'importo del valore del reddito dominicale dei terreni di proprietà , pagamento rateizzato

Giudizio negativo Svantaggi: tasse alte

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: IMU tasse

Categoria: Casa e giardino

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Come calcolare l’IMU per i terreni agricoli?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento