Bonus Mobili e trasferimento agli eredi. Cosa prevede la legge?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 16:28:46 28-01-2016

Il bonus mobili consiste in un aiuto economico destinato ai contribuenti che già usufruiscono degli incentivi offerti a tutti coloro che abbiano sostenuto dei costi per interventi di recupero del patrimonio edilizio residenziale.

Vi è quindi una stretta interdipendenza tra i lavori di ristrutturazione sull’immobile e la possibilità di poter usufruire delle detrazioni dei costi relativi ai beni mobili e ai grandi elettrodomestici.
Nonostante ciò, tra le due forme di incentivo economico vi è una sostanziale differenza, la quale si manifesta chiaramente qualora il soggetto, secondo l’Agenzia delle Entrate, legittimato ad essere titolare di tali sgravi fiscali venga a mancare e, di conseguenza, si presenti la necessità di trasferire tale diritto dalla sfera giuridica della persona deceduta a quella dei suoi eredi.

Nel caso in cui a venire a mancare sia un soggetto che aveva sostenuto delle spese di ristrutturazione edilizia su un proprio immobile e che era allo stesso tempo idoneo a beneficiare del relativo Bonus, l’erede, o gli eredi, sono legittimati a subentrare nel diritto del defunto, garantendosi così la sicurezza di ricevere le quote non ancora fruite per i rimanenti periodi d’imposta.

Il trasferimento del diritto all’erede è valido se si rispetta la prescrizione contenuta nell’art.16 bis del TUIR, la quale obbliga i successori a conservare sull’immobile la “detenzione materiale e diretta dell’immobile”, non soltanto per l’anno di accettazione dell’eredità, ma anche per ciascun anno d’imposta successivo in cui si voglia beneficiare delle restanti rate di detrazione.

Abbiamo quindi stabilito che vi è la possibilità di trasferire all’erede il Bonus ristrutturazione edilizia e i relativi benefici. E per quanto riguarda il bonus Mobili?

Gli stessi principi non sono applicabili anche al bonus Mobili.
Contrariamente a quanto avveniva per l’altro incentivo, infatti, l’erede, o gli eredi, di un contribuente beneficiario del bonus Mobili, non si vedrà riconosciuta la possibilità di subentrare al defunto per il godimento dello sgravio fiscale nei periodi d’imposta successivi alla sua morte (circolare n. 17/E del 24 aprile 2015). In questo caso, a nulla importa che l’erede conservi la detenzione materiale dell’immobile.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Bonus Mobili e trasferimento agli eredi. Cosa prevede la legge?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: Possibilità di godere delle detrazioni d'imposta IRPEF , Possibilità di abbattere i costi connessi all'arredamento e alla ristrutturazione degli immobili

Giudizio negativo Svantaggi: Impossibilità di trasferire agli eredi il diritto allo sgravio fiscale per i periodi mancanti

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: bonus mobili

Categoria: Affari e finanza

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Bonus Mobili e trasferimento agli eredi. Cosa prevede la legge?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento