Abbronzatura: è più veloce se si cammina?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 10:00:21 30-07-2013

Gli appassionati della tintarella se lo saranno chiesto chissà quante volte: ci si abbronza di più stando fermi o camminando?

Ognuno avrà poi sviluppato le sue personali teorie optando per una passeggiata sul bagnasciuga oppure per qualche ora di relax sul lettino in spiaggia o seduti a bordo piscina. La risposta giusta al quesito è… dipende!

Il movimento del corpo non cambia le cose, ciò che conta invece è l’inclinazione con cui i raggi solari arrivano sulla nostra pelle. Variando la sua posizione nel cielo durante l’arco giornata, il sole cambia costantemente la sua inclinazione rispetto a noi e quindi a seconda dei diversi momenti del giorno ci potremo abbronzare di più o di meno tenendo posizioni diverse.

Durante le prime ore della giornata e nel tardo pomeriggio, i raggi solari arrivano sulla terra e perciò anche sulle zone esposte del nostro corpo in maniera molto inclinata, otterremo allora la migliore abbronzatura se staremo in piedi. Camminare non farà altro che rendere l’abbronzatura meno noiosa e, se siamo in vacanza al mare, una lunga passeggiata sulla sabbia sarà un modo molto piacevole e salutare di iniziare o concludere la nostra giornata.

Al contrario, durante le ore centrali del giorno, quelle comprese tra le 10 e le 16, i raggi solari saranno quasi perpendicolari rispetto al suolo e potremo abbronzarci di più stando sdraiati sotto il sole.

In conclusione, quando il sole si troverà basso sull’orizzonte, la posizione migliore da tenere sarà quella eretta, mentre quando il sole si troverà invece alto, agevoleremo la nostra abbronzatura tenendo una posizione sdraiata.

Queste considerazioni variano leggermente in base alle zone del mondo in cui ci troviamo. Se andremo ad esempio a trascorrere una vacanza in zone equatoriali, come le Isole Seychelles, le Maldive, le Laccadive o le Filippine, qui i raggi solari a mezzogiorno saranno perfettamente perpendicolari ed ecco perché in queste zone del mondo è molto più facile prendere delle fastidiose scottature.

E’ di assoluta importanza non dimenticare mai le creme di protezione solare ogni volta che ci esponiamo al sole, ricordando di applicarle ogni due ore e dopo ogni bagno. Sono facilmente reperibili nelle farmacie e nelle profumerie anche lozioni specifiche per il viso e spray protettivi per i capelli.

I bambini dovranno evitare le ore centrali della giornata ed essere sempre protetti con cappellino, occhiali da sole e creme ad altissima protezione.
Per idratare la pelle dopo l’esposizione al sole e preservare l’abbronzatura nel tempo sarà fondamentale applicare alla sera un prodotto doposole di qualità. Questo ci permetterà di evitare antiestetiche screpolature e rossori, conservando più a lungo il nostro colore ambrato, che resterà un piacevole ricordo dell’estate trascorsa.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Abbronzatura: è più veloce se si cammina?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

Hai delle domande su Abbronzatura: è più veloce se si cammina?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento