730 2012: Imu si può non pagare se si è ha credito?

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 8:27:30 04-06-2012

Il primo pagamento dell’Imu è in programma il 18 giugno, quando dovrà essere versato l’acconto base. Una novità, però, può riportare il sorriso a molti contribuenti: è stata ammessa, infatti, la possibilità per i cittadini che nutrono dei crediti nei confronti del Fisco di pagare l’Imu attraverso il modello 730. In altre parole, il pagamento dell’Imu potrà essere compensato con i crediti. Lo spiega una circolare diffusa dal ministero dell’Economia, che sottolinea che il contribuente ha la possibilità di scegliere se usare il credito che risulta dal 730 per pagare l’Imu attraverso la compensazione nell’F24. Tale meccanismo può essere adottato da numerosi contribuenti, i quali dunque avrebbero l’opportunità di compensare debiti e crediti con lo Stato, ma anche da coloro che hanno crediti relativi a tributi locali, come l’imposta sui rifiuti. Spetta, in ogni caso, agli enti locali regolare le modalità con cui la compensazione delle somme a credito può essere effettuata con le somme dovute come tributi locali ai Comuni.

Vale la pena di mettere in evidenza, tuttavia, che questo nuovo meccanismo non è esente da critiche. In particolare, potrebbero nascere dei nuovi problemi nel caso in cui il 730 di quest’anno sia già stato compilato: sarebbe necessario, in questa eventualità, rivederlo immettendo l’Imu, con conseguenti problemi per contribuenti e commercialisti. Inoltre, occorre aggiungere che non tutti i Comuni hanno già deciso le aliquote, e di conseguenza il credito del 730 è sufficiente per il pagamento dell’acconto ma non per l’aliquota complessiva. Il ministero comunque ha precisato che i Comuni hanno la facoltà di abbassare o innalzare le aliquote stabilite dallo Stato, che corrispondono al quattro per mille sulla prima casa e al sette per mille sulla seconda casa. Sulla prima casa la variazione massima consentita è del due per mille, mentre sulla seconda è del tre per mille.
Altrettanto importante è segnalare che nel caso in cui la liquidazione della dichiarazione dimostri un credito superiore alla somma Imu che deve essere pagata, il rimborso del credito eccedente avviene direttamente da parte del sostituto di imposta; viceversa, se il credito è inferiore rispetto all’importo Imu, il credito stesso potrà essere utilizzato, ma a patto di corrispondere anche la differenza. Quando si presenta il modello 730 integrativo, è necessario indicare un importo uguale o superiore al credito già usato nella compensazione. Per usare il credito di compensazione, infine, il contribuente ha l’obbligo di presentare il modello di pagamento F24 in banca o in posta.
Come si può notare, dunque, almeno dal punto di vista di coloro che hanno un credito verso lo Stato il pagamento dell’Imu sembra regalare buone notizie, in attesa che tutti i Comuni e gli enti locali sanciscano in maniera definitiva le aliquote che intendono applicare.

Condividi:

  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks

730 2012: Imu si può non pagare se si è ha credito?
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

 

Giudizio positivo Vantaggi: il pagamento dell’Imu potrà essere compensato con i crediti , usare il credito che risulta dal 730 per pagare l’Imu

Giudizio negativo Svantaggi: tassa sulla prima casa

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: IMU tasse prima casa

Categoria: Casa e giardino

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su 730 2012: Imu si può non pagare se si è ha credito?? Chiedi alla nostra Community.

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

You must be logged in to post a comment.

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento